giovedì, Ottobre 28, 2021
HomeRegione SiciliaIl Nespolo, dall'Estremo Oriente al Sud Italia

Il Nespolo, dall'Estremo Oriente al Sud Italia

Tutto quello che c'è da sapere sull'albero da frutto che ha attecchito nel Meridione.

In India questa pianta è definita "regina delle erbe medicinali". Sempre in Asia, è molto adoperata nella medicina buddista. Al mondo ne esistono due varietà. Una è originaria dell'Europa ed è la "Mespilus Germanica". L'altra è diffusa nel Mezzogiorno d'Italia e il suo nome scientifico è "Eriobotrya japonica".

Ci riferiamo al Nespolo. Il primo è detto Nespolo comune mentre il secondo è il Nespolo in genere associalato al Giappone. In realtà, l'albero è nativo delle regioni orientali della Cina e, a partire da qui, si è affermato anche nel Paese del Sol Levante, dove è stato oggetto di una rigorosa cura. Arriva nel Vecchio Continente nel corso del XIX secolo. Albero sempreverde, di solito, raggiunge i 5 metri di altezza, ma, nelle giuste condizioni, alcuni esemplari possono arrivare anche a misurarne 10.

Ha numerose proprietà, tra cui analgesiche, antibatteriche, antiemetiche, antivirali, diuretiche ed espottoranti. Il decotto ha caratteristiche astrigenti. È utile contro febbre e tosse. Contiene acido ascorbico, beta carotene, vitamine A, B1, B2, B3, C, calcio, ferro, magnesio e potassio. La prima pianta del genere nel nostro Paese fu coltivata a Napoli, nel 1812, nell'Orto Botanico locale. Fiorisce ad inizio anno ed è del tutto maturo tra maggio e giugno. Il suo miele è molto pregiato.

Nella penisola si produce soprattutto in Sicilia e in Calabria. Le diverse cultivar siciliane sono il nespolone rosso precoce (di Ciaculi), il bianco gigante, il vaniglia, il rosa tardivo, di Ferdinando, quello di Ficarazzi e di Trabia. Sono tutti concentrati nella provincia di Palermo. La polpa può essere di diverse sfumature di giallo o arancione; il gusto è dolce, anche se un po' acidula. Il legame con l'isola del Mediterraneo è dimostrata anche dall'omaggio letterario opera di Giovanni Verga nel suo "I Malavoglia", dove l'abitazione dei protagonisti è detta "Casa del Nespolo".

LEGGI ANCHE...