domenica, Agosto 1, 2021
HomeRegione CampaniaPolpette al sugo: la ricetta del secondo carnevalesco

Polpette al sugo: la ricetta del secondo carnevalesco

Come preparare questa pietanza che, nel napoletano, si è soliti realizzare anche in occasione della festa in maschera.

Proseguiamo l'approfondimento che riguarda i piatti tipici del Carnevale napoletano. Questa volta è il turno del secondo. Ecco, quindi, la ricetta delle polpette al sugo.

Le polpette al sugo sono una pietanza propria della tradizione culinaria e ogni famiglia pretende di possederne il segreto. Ideali per "riciclare" vari ingredienti, a Napoli e dintorni, si è soliti cucinarle, anche e soprattutto, in vista di Carnevale.

Ingredienti delle polpette al sugo

Per 4 persone bisogna usare:

  • 500 gr di carne
  • 100 gr di salsicce
  • 50 gr di parmigiano reggiano
  • fette di pane secco
  • latte (per ammorbidire il pane), sale e maggiorana q. b.

(per il sugo)

  • 1 passata di pomodoro
  • 1 spicchio di aglio
  • un cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • olio extravergine d’oliva q. b.

La preparazione richiede 15 minuti mentre la cottura 30.

La preparazione, passo passo

Per realizzare le polpette al sugo, come primo cosa, togliere la crosta alle fette di pane, poi spezzarla e metterle ad ammorbidire con il latte. Lasciare riposare e poi premerle con una forchetta. Nel caso di latte in eccesso, strizzare la mollica per eliminarlo. Tritare la carne. Aggiungere al pane la carne trita, il parmigiano, la maggiorana e condire con il sale. Impastare con le mani per produrre un composto omogeneo.

"Modellare" il composto e formare le polpette con le mani, della grandezza che si preferisce. Per comodità, si consiglia di non farle troppo "abbondanti". Riscaldare l'olio in una padella, con lo spicchio d'aglio e farvi rosolare le polpette da tutti i lati per un paio di minuti. Aggiungere la polpa di pomodoro con il concentrato e una presa di sale. Mescolare, versare e far cuocere per 30 minuti a fuoco dolce. Verso metà cottura, girarle così che cuociano in modo uniforme e non si rovinino. È preferibile servirle calde.

LEGGI ANCHE...