“A’ canzone de lo Capodanno”: il tradizionale canto portafortuna

Le origini dell'antico brano che si cantava nel napoletano in occasione dell'ultimo dell'anno

Canzone de lo Capodanno


Il 2020 è ormai alle porte ed è, quasi, tutto pronto per celebrarlo. A Napoli e provincia, sono molte le tradizioni in uso in questo senso. Ce n’è una in particolare che è un po’ datata e, con il passar del tempo, è caduta in disuso, almeno in città. Si tratta di quella della “Canzone de lo Capodanno“, un vero e proprio canto augurale. In cosa consisteva?

A’ canzone de lo Capodanno: la consuetudine

L’abitudine era quella di andare in giro, in compagnia, a cantare questa canzone, per ottenere un’offerta da nobili e commercianti, o meglio “a’nferta“, che poteva essere una somma in denaro oppure qualcosa da mangiare e da bere. Prima di cominciare ad intonarla, la si introduceva con i seguenti versi:

ao’ bbuon Dio è ao’ bbuon Capodanno
tant’oro e argiento te puozze
abbuscà auanno,
quanto peso io, ‘a pret e tutte e panne

ai quali seguiva il lancio di una pietra (“menà a pret a…“) ai piedi della persona cui si voleva augurare buon anno. La fama raggiunta da tale componimento è stata tale da essere inserita anche in alcune versioni de “La cantata dei pastori“.

La storia della “canzone de lo Capodanno”

Le origini di questa melodia sono antiche. Non si sa con sicurezza chi l’abbia composta, però, è probabile che fosse un abitante della penisola sorrentina. Una tradizione la fa risalire ad un cittadino di Meta, le cui iniziali erano “E. C.”. La versione locale differisce da quella “canonica” per il motivo ed anche per alcuni versi, che sono dedicati agli esponenti delle varie professioni. A quanto sembra autore di questi versi in più fu un tale Prospero Cafiero.

Le ragioni della “canzone de lo Capodanno”

Il motivo dietro a questa canzone era, sì, quello di ricevere l’offerta, ma a fronte del rispetto delle gerarchie familiari e sociali. Infatti, ad esempio, i figli “lanciavano la pietra” ai piedi dei loro genitori, i nipoti dei nonni e i lavoratori dei loro datori e così via. Il tutto avveniva grazie al ricorso a strumenti tradizionali quali tamburelli, putipù e “scietavaiasse“. Il canto incomincia con l’annuncio della fine dell’anno e la necessità di passare la notte in allegria. Continua per una settantina di strofe e affronta diversi argomenti: il mito, la storia, la realtà quotidiana di paese, il sentimento religioso, l’espressione degli auguri a tutte le professioni. In particolare, narra episodi dell’infanzia di Cristo. Infine, si conclude con l’augurio di vedersi ancora l’anno seguente in condizioni di maggior benessere morale e materiale.

Genere e strofe

Il genere è quello della “zingarata“. Il testo è contraddistinto da 3 settenari e un quaternario, per lo schema “ABBC-CDDE-EFFG…“. La melodia è in 6/8 e, all’esecuzione di ogni strofa, segue la ripetizione in coro dei due versi precedenti. L’interpretazione poteva essere interrotta per lasciare spazio a brani recitati di natura satirica.

Il brano

Introduzione (parlato)

A. La bona notte e buon principio d’anno
A tutti sti signuri in compagnia !
Simmo venuti e tornarrammo ogni anno
Per farve chill’aurie che sapimmo.

B. Spilateve lli rrecchie, apritece lu core
La casa, la dispensa e la cantina
Ca cheste so ghiurnate de cuntiente
Se magna e beve e non se pensa a niente

Testo originale (cantato)

1. Aprimmo l’anno nuovo
Co tric-trac e botte
Passammo chesta notte
In allegria.

2. Nascette lu Messia
Avenne poveriello
No voje e n’aseniello
Pe vrasera.

3. Da tanne ‘e sta manera
Passato s’ò sti juorne
Pe fa dispietto e scuorno
A farfariello.

4. Ca chillo marionciello
Nce avea tutte aggranfate
Ne ce avarria lassate
E nce arrosteva,

5. Si ntiempo non veneva
Da cielo lu Guaglione,
Ca p’essere sguazzone
Nce preggiaje.

6. Tutte da li guaje
Volette liberarce
Patenno e co lassarce
Purzi ‘a lu piello.

7. Ma nuje che scurdarielle
Non simmo mango ingrate
Passammo sti ghiurnate
A fa sciacquitto.

8. E lu vedite schitto
Torna lu zampugnaro
Nce mette allummacare
Alleramente.

9. Nce fa venire a mente
La luminosa stella,
La bella grotticella
E li pasture.

10. Che gruosse e criature
Dall’Angelo avvisate
Correvano priate
A la capanna.

11. E cchi Ile porta o manna,
Co ceste e co panare
E chi lu va adurare
A faccia nterra.

12. E da lontana terra
Per fine li Re Magge
Cu traine e carriagge
Se partettero

13. Ch’appena che vedettero
Lu cielo alluminato
Dicettero era nato
Lu Messia.

14. E co gran cortesia
Vediste aggenucchione
De nanze a nu guaglione
Tre regnante.

15. Erode, re birbante
Trasette gia’ mpaura
Ca chella criatura
Lo spriorava.

16. E pecche’ se tremava
Chell’arma ntaverzata,
Fa fa chella salata
De guagliune.

17. Che simmele a picciune
Li facette scannare
Pe farece ncappare
A lu bambino.

18. Cchiu’ nfame, cchiu’ assassino
Nn’avite visto mai !…
E nterra non chiavaie
Tanno pe tanno.

19. Ma le restaie lu nganno.
Nè ce cacciaie niente
Co tutte li nuziente
Ch’accedette

20. Che la Madonna avette
Da cielo lu consiglio
De ne fuì lu figlio
Tanno tanno.

21. Sti ccose già se sanno
Ma quanno è chisto juorno
Nce arrollano cchiù attuorno
A la memoria.

22. E sia ditta pe gloria
Nce portano allegrezza
Tanto che c’è priezza
Pe ogni parte.

23. E sulo all’addonare
Che asciute so li ppigne
Te preje a chillo signe
De Natale.

24. Vi’ mo p’ogne locale,
Pe puoste e pe pontune
Li rrobbe so a montune
Apparicchiate.

25. A festa so aparate,
Purzì fora li vie
Poteche, speziarie
E bancarelle.

26. E nne vide sportelle
Panare, votte e ceste,
E scatole, e caneste,
E gran sportune !

27. D’anguille e capitune
E pisce d’ogni sciorte
Ne vide grosse sporte
A centenare.

28. Tutta sta rroba pare
Potesse abbastà n’anno,
Eppure tanno tanno
Scomparisce.

29. La gente trase e esce,
E corre, va, e vene
E spenne quanno tene
Pe la canna.

30. Nè truove chi non manna
N’aurio, o nu rialo
Sarrà malo natale
Non manna’ niente

31. Lu strazio de’ nuziente
Se fa co li’ capune
Che songo a miliune
Scapezzate.

32. Ne, vuie quanno trovate
Cchiu’ festa e cchiu’ allegria
Ma la pezzentaria
Nun canuscimmo.

33. E nuie percio’ venimmo
Cu festa, canto e suono
P’aurià lu buon
Principio d’anno

34. Priesto che fenarranno
Li guaie e li tormiente,
Né mai cchiù lamiente
Sentarraie.

35. Spero che vedarrate
Spuntà’ pe vuie na stella
Lucente comm’a chella
E auriosa.

36. Spero ch’assai sfarzosa
La sciorte addeventasse
E che ve contentasse
A tutte quante.

37. Si sì niuziante,
Sempe puozz’aunnare
Conm’aonna lu mare
Ntutte Il’ore

38. Si po si vennetore,
E tiene magazzino
Se pozze ogni carrino
Fa ducato.

39. Si po sì n’avvocato
Ti dico solamente
Che puozze ave’ cliente
Capo tuoste.

40. Pecchè t’abbusco vuosto
Nce sta’ d’ogne manera,
O perde, o va ngalera,
O fa denare.

41. Puozze, si si’ nutare,
Fa poche testamiente,
Capitule e strumiente
Nzine fine.

42. Sì nu ngegnere fine?
Trovasse ricche pazze,
Pe fraveca’ palazze,
E turriune

43. O meglio a la Commune
Aggranfate coll’ogne
Ca Ilà sempe se magne,
E se va nchino.

44. Si n’ommo trafechino
E vuò cagnare stato
Rijesce Deputato
O Consigliere.

45. Tanno sì Cavaliere!
Si lu guverno appruove,
Ll’anema de li chiuove
Venarranno.

46. Si prevete? Te manno
L’aurio che dimane
Sì fatto parrucchiano
O monsignore.

47. Si si’ faticatore,
Salute, forza e accunte
Accussì tu la spunta
E può campare.

48. Pero’ aje da scanzare
Lu juoco e la cantina
O ncuorpe a la matina
Niente trase.

49. Si sì patron ‘e case
Te scanza lo Signore
De malo pagatore
Comm’a nuie.

50. Che ntiempo se ne fuie,
Li tterze si nun pava
E se porta la chiava
D’altrittante.

51. Si po si navigante,
Nn’avisse mai tempeste,
Fa li viagge leste
E ricche ancora

52. Si miedeco? bonora
Me ‘mbroglie nveretate
Va puozzo ogne malate
Fa guarire

53. Sti bobbo pozzo dire,
Si si’ nu speziale
Sanasse ogne male,
Ogne dolore.

54. Si po si’ giuocatore,
Venga la carta mpoppa
Ne puozze mai fa toppa
A zecchinetto

55. Si essere prutetto
Da la fortuna vuoje,
Cerca e fa quanto puoje
D’essere ciuccio.

56. Si quacche impiegatuccio
Puozzo piglià nu terno,
Si no starrai n’eterno
Ndebbetato.

57. Nzomma, nqualunque stato
Avvisse li rricchezze
E chelle contentezze
Ch’ addesirie.

58. E chi ne tene mmiria
Che pozza fa na botta
E Ile scennesse sotta
Nu contrapiso.

59. Troppo nce avite ntiso
E ve site stufate,
E nuie simmo stracquate
E sete avimmo.

60. Da cca’ non nce movimmo
La faccia è troppa tosta
Simmo venuto apposta
E ll’ aspettammo.

61. Ne ch’addesiriammo
Castagne, fiche e nuce
E autre cose doce,
E susamielle.

62. Duie o tre canestrielle
Abbastano a sta panza,
Sapimmo la crianza
E simme poche.

63. Primma de chesso Iloche
Nce aprite la dispenza,
Simme di confidenza
Pigliammo tutto.

64. O provole, o presutto
N’arrusto o nu castrato
Sia friddo o sia scarfato
Nu capone.

65. Nuie l’obbligazione
Sapimmo esattamente
Nun nce restammo niente
Pe farve onore

66. Ca site nu signore
Sfarzuso e corazzone,
E ntutte l’occasione
Nun scumparite.

67. Piacere anze nn’avite
Si v’hanno scommodato
E nce addesiriate
L’anno che vene.

68. Tanno trovà cchiu bene
Speranno cchiu allegria
E na speziaria
De cose doce.

69. Nce resta aizà la voce
Pe ve cercà licenza
Dann a’ sta bona udienza
La bona notte.

70. E bona notte
Buon capodanno a tutte,
E bona notte.