giovedì, Maggio 26, 2022
HomePersonaggiCarlo Verdone dopo anni rivela un segreto: "Ho conosciuto Moana Pozzi a...

Carlo Verdone dopo anni rivela un segreto: "Ho conosciuto Moana Pozzi a casa di Massimo Troisi"

Nella lunga intervista di Carlo Verdone per i 40 anni di Borotalco, uno dei suoi film più famosi, ed è proprio in questa stessa intervista che l'attore e regista romano ricorda un particolare aneddoto avvenuto molti anni fa a casa di Massimo Troisi.

Prima che cominciasse a girare Borotalco, Verdone aveva pensato di smettere: "Quando uscì Bianco, Rosso e Verdone, gli allora produttori Sergio Leone e Medusa furono felicissimi. Ma Leone è andato ad altri progetti e non ha avuto il tempo di seguirmi. Non gli hanno rinnovato il contratto, ma non gliel'hanno detto, ha visto di persona. Quindi ha pensato di lasciar perdere. Sono tornato all'università per trovare un professore di storia delle religioni, sperando di diventarne assistente. Ho scoperto che si era suicidato. In quelle settimane non sapevo cosa fare della mia vita. Poi il telefono squilla. Il mio agente dice che il produttore Mario Cecchi Gori vuole incontrarmi. Ha visto in ritardo Bianco, Rosso e Verdone, è rimasto colpito dalla figura di un immigrato muto che esplode contro l'Italia. "Io credo in te. Facciamo un film e se va bene ne firmiamo altri quattro. Ma puntiamo su un personaggio unico. "
Leggi anche: Enzo Paolo Turchi asfalta Katia Ricciarelli: " Ha esagerato"

Verdone dice che gli ci è voluto quasi un anno per trovare l'idea giusta: "Borotalco è uscito. Abbiamo portato la sceneggiatura di Mario Cecchi Gori e lui ha detto: "Mi piace, un titolo brillante. Non sapeva che Manetti & Roberts ci avrebbe citato in giudizio, si è fermato solo prima del successo del film. "

Nel film di Carlo Verdone c'era anche Moana Pozzi nel suo debutto e il regista racconta come l'ha conosciuta: "La conobbi a casa di Massimo Troisi. Era bellissima, pensai all'ennesima fiamma di Massimo, il più grande conquistatore che abbia conosciuto. Abbiamo fatto quattro chiacchiere. Quando feci i sopralluoghi per la casa della Giorgi nel film, a Trastevere, aprì una ragazza, vidi la casa tranne la camera in cui dormiva la coinquilina, alle 12,30. Insistemmo: riconobbi la ragazza a casa di Troisi, indossava solo un paio di slip. Le dissi che avevo una parte per lei, in ufficio il giorno dopo le spiegai il ruolo dell'amante che si fa la doccia e lei, ' Non ho nessun problema di nudo'."
Leggi anche: Pioggia di insulti per Biagio D'Anelli: "Non dovevi farlo, sei un viscido"

Nel suo libro autobiografico, in cui Verdone ha rievocato gli incontri, gli amori, i colleghi ei personaggi che hanno segnato la sua vita, l'attore e regista ha raccontato anche dei suoi esordi televisivi con la trasmissione Rai Non Stop di Enzo Trapani, che ha avuto come protagonista, in lui e altri comici famosi agli inizi della loro carriera, da Giancattivi a La Smorfia Massimo Troisi, Enzo De Caro e Lello Arena a Gatti di Vicolo Miracoli. Per molto tempo Verdone ha lavorato alla registrazione dello spettacolo, lui e gli altri artisti sono rimasti a Torino e hanno avuto l'opportunità di conoscersi, incontrarsi e uscire, ma anche discutere dei loro schizzi.

Carlo Verdone è rimasto colpito dai ragazzi de La Smorfia, e in particolare Massimo Troisi, che ha trovato "fenomenale", tanto da voler vedere dal vivo uno dei loro sketch.
Leggi anche: Stefano De Martino messo a dura prova: "La mia carriera in pericolo a causa loro"

LEGGI ANCHE...