giovedì, Giugno 30, 2022
HomeRegione CampaniaLa città giapponese gemella di una meridionale

La città giapponese gemella di una meridionale

Nel paese del Sol Levante c'è un centro che ha un legame speciale con uno del Meridione.

Cosa hanno in comune il Paese del Sol Levante e il Mezzogiorno d'Italia?

I più potrebbero pensare nulla e, forse, non sbaglierebbero. Del resto, si tratta di due luoghi lontani, nello spazio e non solo. Separati da tanti chilometri di distanza, hanno dato vita a culture diversissime. Dalla gastronomia alla musica e a tanto altro ancora, risulta difficile immaginare che possa esserci qualcosa che accomuna un giapponese ed un meridionale.

Eppure, quel qualcosa c'è. Almeno quando si parla di paesaggio. Infatti, in Giappone, nella parte sudoccidentale dell'isola di Kyushu, si trova la città di Kagoshima, capoluogo dell'omonima prefettura. Ebbene, questa sorge nelle vicinanze di un vulcano che affaccia su un golfo e ha un clima mite e soleggiato. Vi ricorda qualcosa?

Se la risposta alla domanda precedente è , complimenti perché il centro nipponico offre un colpo d'occhio come quello di cui si può godere a Napoli. Inoltre, anche il comune partenopeo è capoluogo di provincia e ha un meteo simile a quello dell'agglomerato urbano giapponese. I due vulcani in questione sono il Vesuvio e il Sakurajima, con quest'ultimo che si trova a ridosso della baia di Kinko ed è attivo. Eruzioni di entità minore avvengono più volte al giorno e una delle ultime di una certa rilevanza si è avuta il 14 maggio 2019, quando un'imponente nube di fume si è stagliata nel cielo per un po' di tempo.

Kagoshima Napoli interno

 

Tuttavia, il legame tra le due città non si limita solo al panorama. È stato ufficializzato il 3 maggio del 1960 con un gemellaggio. Da allora, nel capoluogo della Regione Campania, al Vomero, esiste "via Kagoshima" (strada che unisce via Aniello Falcone a via Belvedere) e "largo Kagoshima" al Centro Direzionale mentre, dall'altra parte del Mondo, prendono il nome da Partenope una linea di tram e un viale alberato ("Napori dori"). Perciò, la prossima volta che penserete al Giappone, ricordatevi che, pure lì, c'è un pizzico di Sud Italia!

LEGGI ANCHE...