mercoledì, Settembre 28, 2022
HomePersonaggiBarbara Palombelli denuncia in lacrime la violenza subita: "Ogni giorno c'è un...

Barbara Palombelli denuncia in lacrime la violenza subita: "Ogni giorno c'è un plotone d'esecuzione"

In una recente intervista a Verissimo, dinanzi a Silvia Toffanin, Barbara Palombelli ha parlato di nuovo della polemica che l'ha travolta quando a Forum si è discusso del femminicidio e una sua frase è stata mal interpretata l'ha messa alla gogna mediatica, scatenando un coro d'insulti verso la giornalista. La frase in questione è la seguente: "È lecito domandarsi questi uomini erano completamente fuori di testa, completamente obnubilati, oppure c'è stato anche un comportamento esasperante, esagerato, anche dall'altra parte? È una domanda che dobbiamo farci."

Barbara Palombelli dopo l'accaduto ha descritto il suo dispiacere per l'accaduto chiedendo anche scusa se la frase detta non fosse chiara: "Quando un giornalista non riesce a farsi capire deve scusarsi io l’ho fatto e lo voglio fare ancora se ce ne fosse bisogno. I principi e la libertà di pensiero vanno difesi dalle campagne di aggressione - ha aggiunto - questo non vale solo per me, vale per tutti i cittadini. Io posso difendermi, ho una corazza. I social? Ogni giorno c’è un plotone di esecuzione, ogni giorno c’è una vittima salvo poi dimenticarsi di tutto il giorno dopo."

Nell'intervista a Verissimo, Silvia Toffanin ha chiesto alla giornalista come avesse affrontato la polemica che l'ha travolta e la Palombelli non ha mancato di esternare il suo dispiacere: "Estrapolare un particolare dalla vita di una persona è sempre un po’ un’aggressione. Questo mi ha ferita, soprattutto quando è arrivato da persone che hanno subìto e a loro volta erano state aggredite. Stiamo attenti a usare le persone."

Quando poi la conduttrice ha chiesto alla Palombelli cosa pensasse del femminicidio, la giornalista ci ha tenuto molto a spiegare il suo punto di vista: "Oggi direi semplicemente che del femminicidio m’interessa capire il prima, dove si può fermare la violenza prima…Se queste donne possono portare gli uomini a curarsi."

Nella stessa intervista quando Silvia Toffanin ha chiesto se suo marito, Francesco Rutelli, fosse intervenuto nella polemica social, la Palombelli ha risposto: "Per fortuna si è astenuto dal commentare. Sa che sono abbastanza forte e so difendermi da sola."
Leggi anche:  Caso Lando Buzzanca, parla suo figlio Massimiliano: "Francesca Lavacca non ha mai smesso divederlo, ma papà non riconosce nessuno"

Insomma, il commento sul femminicidio da parte di Barbara Palombelli ha generato una grandissima polemica e l'accusa per la giornalista di giustificare determinati comportamenti ma non è così, forse per la Palombelli l'affermazione era una domanda di chi vorrebbe comprendere il perché accadono determinati eventi che mettono in ginocchio non solo intere famiglie ma intere comunità.
Leggi anche: Amici 21, la pesantissima indiscrezione: gli insegnanti si son alleati in vista del serale

Porre una domanda per quanto sbagliata possa essere non da comunque il diritto ad un'aggressione verbale attraverso i social, in questo caso si passa ad un altro tipo di violenza che non va comunque giustificata come fine per perseguire una giusta causa.
Leggi anche: Notte galeotta al GF Vip, colpo di scena tra Barù e Jessica: "Dopo mi violenta"

LEGGI ANCHE...