Il ‘Gioiello Proibito’ del Sud: l’angolo di paradiso che pochi conoscono

Un piccolo angolo di paradiso raggiungibile solo in barca, talmente meraviglioso da essere un gioiello proibito

Foto Facebook Etineris - Spiaggia del Cavaliere

A nord dell’isola di Budelli, nell’arcipelago della Maddalena in Sardegna, esiste un vero e proprio angolo di paradiso, una spiaggia bianca finissima, bagnata da acque limpide che hanno il colore del cielo: la Spiaggia del Cavaliere. Questa piccola spiaggia può essere raggiunta solo in barca e vi sono moltissime limitazioni per tutelarne la bellezza naturale.

Viene detta “gioiello proibito” proprio perché solo charter autorizzati dal Parco Nazionale dell’Arcipelago della Maddalena vi possono attraccare, il motivo di tante limitazioni è dato dall’erosione inarrestabile: dal 1998 ad oggi, il litorale ha subito una drastica riduzione. Oltre alle cause naturali come le correnti ed i cambi climatici, la Spiaggia del Cavaliere subisce una avanzamento erosivo molto veloce anche per il prelievo incontrollato della sofficissima sabbia bianca.

Il sentiero che porta in questo splendido luogo è nel bel mezzo della macchia mediterranea che lascia poi spazio a questa lingua di sabbia finissima (lunga quasi 200 metri e larga 5 metri), dal colore così candido da essere quasi accecante, completamente circondata da piscine naturali, piccoli isolotti e scogli. Le acque sono di un turchese inteso, con delle trasparenze incredibili che sfumano nelle diverse ore del giorno.

La spiaggia occupa la parte nord-orientale dell’Isola di Budelli, con la sua forma ovale, affaccia sull’incantevole Porto della Maddalena: racchiuse in uno specchio d’acqua cristallina, in un panorama unico al mondo, le due isole gemelle Razzoli e Santa Maria. La posizione protetta, riparata dalle fortissime correnti marine, fornisce l’impressione di essere in un’enorme piscina d’acqua salata, il cui fondale basso la rende perfetta anche per i più piccoli.

Ma come abbiamo già detto, questo gioiello è tanto perfetto quanto estremamente fragile, la tutela di un patrimonio naturale è al primo posto nella preoccupazione dei gestori del Parco della Maddalena, infatti, le regole imposte sono severe ma giuste: è vietato poggiare asciugami ed ombrelloni, o qualsiasi tipo di oggetto ed è obbligatorio rimuovere la sabbia dai propri indumenti e calzature. Anche se possono sembrare regole alquanto bizzarre, sono strettamente necessarie a far sì che questo paradiso non sparisca completamente: anche un piccolissimo granello di sabbia è importante.