Avvistato un meteorite nei cieli del Sud: “Possibili frammenti sono caduti sul suolo”

Lunedì 15 Marzo ha sfrecciato velocissimo nei cieli per atterrare in un piccolo paesino del Sud dove oggi è cominciata la ricerca



La sera di Lunedì 15 Marzo è stato avvistato un meteorite nei cieli del centro Sud, un piccolo frammento che ha generato un bagliore verde molto luminoso; a dare la notizia di questo avvistamento sono stati i ricercatori della Rete Prisma (la prima rete per la Sorveglianza Sistematica di Meteore e Atmosfera), a confermarlo l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF). Oggi 22 Marzo sono cominciate le ricerche dei frammenti del meteorite di circa 8 cm nelle zone del Molise.

Secondo i primi avvistamenti il “bolide” avrebbe sorvolato il Lazio e la Campania per entrare nell’atmosfera proprio sul Molise, nel piccolo borgo di Temennotte nel comune di Sant’Agapito ( a pochi chilometri da Isernia). Come scrivono gli esperti dell’Inaf: ” Dall’incrocio dei dati, risulta che il piccolo corpo celeste è entrato in atmosfera a una quota di circa 80 Km e ha proseguito per una lunghezza totale di 61 km percorsi in 5,3 secondo con un’inclinazione di 84°, una traiettoria quasi verticale. L’altezza e la velocità finale è risultata rispettivamente di 19,8 km e di soli 2,8 km/s, valori che depongono a favore per l’arrivo al suolo di un meteorite con massa stimata di circa 1 Kg.

Il coordinatore nazionale della Rete Prisma, nonché Primo Tecnologo dell’Inaf, Daniele Gardiol, in un’intervista al Messaggero ha dichiarato: “Se pensiamo alle stelle cadenti, che però sono polvere lasciata perlopiù dalle comete, possiamo dire che è abbastanza frequente. Diverso è con gli oggetti più grandi, questo è di circa 8 cm, decisamente più rari. Episodi simili si verificano una volta in un anno, in Italia. Per noi è il quarto caso in quattro anni.

Il caso particolare di questo meteorite è che sembra essere integro, un unico blocco, ma se così non fosse il ritrovamento dei suoi frammenti permetterebbe lo studio approfondito dei corpi celesti, studio che porterebbe a risultati molto importanti. Questo “bolide” è il primo rilevato dalle telecamere del Centro – Sud Italia che, purtroppo non ricoprono l’intero territorio ma solo una parte.