giovedì, Luglio 29, 2021
HomeRegione SardegnaI benefici delle Fave e una delle gustosissime ricette del Sud

I benefici delle Fave e una delle gustosissime ricette del Sud

I benefici delle Fave sia secche che fresche e una delle gustosissime ricette del Sud

Le fave fresche sono un legume molto nutriente e poco calorico (ma quelle secche sono circa 4 volte più caloriche di quelle fresche), contengono Levodopa (o L-dopa), un aminoacido che aiuta a migliorare la concentrazione di dopamina nel cervello, sono ad alto contenuto proteico, garantiscono il giusto apporto di ferro e minerali insieme ad una considerevole quantità di vitamine.

Vediamo nello specifico le qualità delle fave:

Le fave contengono Vitamina B1 importante per il corretto funzionamento del sistema nervoso e per il metabolismo, abbassano e stabilizzano il colesterolo perché ad alto contenuto di fibre riequilibrando i livelli di zuccheri nel sangue. Sono fonte vegetale di acido folico che stimola il sistema nervoso, contengono L-Dopa una sostanza simile alla dopamina e all'epinefrina. Le fave hanno grosse quantità di manganese, un minerale che supporta il corretto funzionamento del sistema nervoso, endocrino e immunitario; sono ricche di vitamina A che aiuta a mantenere la pelle in salute e luminosa.

Le fave fresche possono essere mangiate crude, sbucciate con olio sale e formaggio (preferibilmente caprino) o secche all'interno delle zuppe. Ed ecco una delle ricette per le fave secche, direttamente dalla Sardegna.

Ricetta della Favata alla Sassarese:

La favata è un piatto tipico della cucina sarda, in tempi più antichi, le fave venivano spesso  accompagnate al lardo di maiale con aromi e verdure di stagione.

Dosi: per 4 persone

  • 300 gr di fave secche (Da mettere a mollo almeno 12 ore prima di cucinarle).
  • 1 litro di brodo.
  • 100 gr di pancetta tritata. 
  • 100 gr di carne di maiale tagliata a pezzetti.
  • 150gr di salsiccia spellata e sbriciolata.
  • olio d'oliva.
  • uno spicchio d'aglio. 
  • una cipolla tritata.
  • prezzemolo, salvia e menta (non in dosi eccessive, quanto basta).
  • 1 finocchio affettato sottile.
  • pane casareccio abbrustolito.

Procedimento

  1. Mettete a bagno le fave per almeno 12 ore in acqua leggermente tiepida.

  2. In un tegame, soffriggete olio, pancetta e odori, poi la salsiccia e la carne di maiale.

  3. Versate il brodo, aggiungete le fave spellate, il finocchio e cuocete a fuoco basso. Aggiungere il sale

  4. Versate la minestra nei piatti dopo aver posto il pane tostato.

LEGGI ANCHE...