Peperoncino: le proprietà terapeutiche della spezia piccante

Tutto quello che c'è da sapere sui benefici del vegetale molto diffuso in Calabria.

Peperoncino


Quando si parla di questa pianta è inevitabile pensare alla Calabria, ma, a parte l’uso che se ne fa in cucina e la nomea di potente afrodisiaco, quali sono le sue proprietà terapeutiche?

Il peperoncino calabrese è il nome comune di una serie di varietà di questo vegetale che si coltivano nella regione del Sud Italia. Frutto della pianta “Caspicum Annuum” è utile per digerire e ha effetti positivi sul sistema cardiocircolatorio.

Per ciò che riguarda la sfera della salute, consente la secrezione dei succhi gastrici e, così, aiuta la digestione. Inoltre, dato che facilita la circolazione, è un ottimo cardioprotettivo. È anche un vasodilatatore e, perciò, adatto per tenere a bada il colesterolo. Per via delle caratteristiche antinfiammatorie, può ovviare a raucedine e tosse.

La piccantezza è dovuta all’alcaloide capsaicina che aiuta a digerire. Ricco di vitamina C, previene le infezioni e dalle malattie da raffreddamento. Infine, grazie alla vitamina E, è conosciuto come eccitante dato che tale nutriente favorisce la fecondità e la potenza sessuale.

ULTIMO AGGIORNAMENTO