domenica, Ottobre 24, 2021
HomeNewsBoom di visite in Campania: 756 mila sul Vesuvio

Boom di visite in Campania: 756 mila sul Vesuvio

Il vulcano del golfo di Napoli conosciutissimo in tutto il mondo ha segnato il record di ingressi nel 2019. Molto bene anche il Parco archeologico di Ercolano e il Museo ferroviario di Pietrarsa

Record di visite per il Gran Cono del Vesuvio nel 2019: è stato raggiunto un totale di 756.572 ingressi rispetto ai 665.945 toccati nel 2018. Il maestoso vulcano situato nel golfo di Napoli affascina da sempre i turisti provenienti da varie parti del mondo, al punto da considerarla una tappa irrinunciabile del loro viaggio al Sud Italia. A rendere noti i dati è stato Agostino Casillo, il presidente dell'Ente Parco Nazionale del Vesuvio: "È il record di sempre relativo alle presenze al Cratere del Vesuvio, con più 90 mila ingressi rispetto al 2018, ovvero un +14%, frutto anche del forte investimento in promozione e comunicazione realizzato negli ultimi anni. Questo risultato ci conferma tra i primi attrattori turistici nazionali e internazionali".

Vesuvio

Anche il Parco archeologico di Ercolano è andato molto bene, chiudendo il 2019 con numeri decisamente promettenti: 548.070 visitatori rispetto ai 534.328 del 2018. Nel prossimo anno, secondo il direttore Francesco Sirano, il Parco raggiungerà un'immagine "chiara", "identitaria", "distintiva" e "riconoscibile": tra le novità è prevista l'apertura di due importanti cantieri di restauro come l'Antica Spiaggia e sei Domus tra le più celebri dell'antica città da cui parte la strada che conduce al Gran Cono del Vesuvio per la visita al Cratere.

Boom di visite anche per il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, che ha conquistato nel 2019 oltre 200 mila presenze, ponendosi obiettivi per il 2020 molto ambiziosi, tra cui l'apertura del bar interno con prodotti a km 0 e l'inaugurazione della sala da the internazionale situata a bordo di una carrozza storica che risale ai primi anni venti del novecento restaurata appositamente per l'evento. Il direttore dell'antico museo ferroviario Oreste Orvitti ha annunciato che aumenteranno le collaborazioni con i più rinomati enti del territorio e si presterà molta attenzione all'organizzazione di eventi culturali: concerti, mostre d'arte, pittura, musica classica e danza. Inoltre c'è grande attesa per l'inizio dei lavori che realizzeranno l'approdo marino a Pietrarsa.

LEGGI ANCHE...