Festa dell'albero: 300 nuovi alberi sul Vesuvio

Il 21 novembre è la Festa dell'albero, un'iniziativa che sta molto a cuore a Legambiente che si è adoperata per essere presente in 500 piazze italiane per diffondere l'amore per la natura attraverso gli alberi. Infatti durante questi appuntamenti saranno piantati migliaia di nuovi alberi su tutto il territorio.

“Un albero per il clima – #ChangeClimateChange”, questo è lo slogan usato da Legambiente per promuove la sua manifestazione che ha coinvolto 3000 classi, con oltre 60mila studenti: saranno piantate 3500 piante.

Si è deciso di intervenire soprattutto nelle zone che sono state maggiormente interessate da eventi estremi come per esempio incendi o disastri naturali, in modo da poter aumentare la quantità di alberi distrutti.

Tra i maggiori interventi previsti c'è quello a favore del Vesuvio, vittima di un gravissimo incendio nel 2017 che ha distrutto un'ampia area del parco naturale, circa 3000 ettari. Proprio sul Vesuvio verranno piantati circa 300 alberi, tra lecci, querce e corbezzoli.

Legambiente ha collaborato con l’Ente Parco nazionale del Vesuvio e il Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Caserta. Tutte i soggetti che hanno preso parte all'iniziativa hanno l'obiettivo concreto di favorire il territorio campano, che troppo spesso viene devastato e dimenticato.

All’evento partecipano in tantissimi, tra cui Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente, Mariateresa Imparato, presidente di Legambiente Campania, il responsabile Aree Protette Biodiversità di Legambiente Antonio Nicoletti.

Ed ancora, il presidente Parco Nazionale del Vesuvio Agostino Casillo, Stefano Donati, direttore Parco Nazionale del Vesuvio, il sindaco di Trecase Raffaele De Luca. Infine, il Reparto Carabinieri per la Biodiversità di Caserta e Salvatore Faugno dell’Università degli Studi di Napoli Federico II che ha provveduto al progetto esecutivo.

Legambiente, dopo la tappa sul Vesuvio, sarà a Montecorvino Pugliano, in provincia di Salerno, al Bosco San Benedetto, nella giornata del 22 novembre. Inoltre, giovedì 28 novembre, sarà nell’Istituto Comprensivo “Italo Calvino”, a Villaricca, per piantare degli arbusti simbolici: il mandorlo per la scuola dell’Infanzia, simbolo di resurrezione; l’aciacia per la scuola secondaria, simbolo di saggezza; il melograno, simbolo dell’unità tra i popoli e la fertilità; l’alloro, allegoria di gloria e sapienza, per la scuola primaria.