sabato, Dicembre 10, 2022

Palermo: ecco le origini, la storia e i luoghi più belli del quartiere Kalsa

Conoscete il quartiere Kalsa di Palermo? È uno dei quartieri più affascinanti e particolari del capoluogo siciliano

Palermo è il capoluogo della Sicilia. Quinto comune per popolazione in Italia, conta quasi 630mila abitanti. La città si trova nella parte occidentale dell'isola, al nord. Oltre al suo meraviglioso mare, Palermo è una città estremamente affascinante dal punto di vista architettonico: in questa città, infatti, si può vedere come architetture di tipo diverso, come quella normanna e quella araba, si sono mescolate per ottenere un risultato unico nel suo genere. Il sito seriale "Palermo arabo-normanna e le cattedrali di Cefalù e Monreale" è dal 2015 nella lista UNESCO dei patrimoni dell'umanità, e viene visitata ogni anno da milioni di persone.

Uno dei quartieri più particolari del capoluogo sicilano è Tribunali, noto anche come Kalsa. Si trova al centro della città ed è uno dei quattro rioni storici del capoluogo siciliano. Il nome "Kalsa" deriva dall'arabo "al-Khalisa". E, in effetti, il quartiere è nato proprio nel periodo della dominazione araba. La storia del quartiere Kalsa è molto travagliata: con l'arrivo della dominazione normanna, parte delle mura arabe fu distrutta. Tribunali ha cambiato faccia secolo dopo secolo, lasciando spazio anche per diverso tempo al degrado. Alquanto recentemente, però, il quartiere è stato riqualificato e ora è tra i più affascinanti della città. Kalsa è noto anche per essere il quartiere dove sono nati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

Kalsa / Tribunali: l'affascinante quartiere della città di Palermo

"Al-Khalisa" significa in arabo "l'eletta". Come spiegato sul sito L'identità di Clio, il nome deriva dal fatto che all'interno del quartiere c'era l'emiro arabo. Il palazzo si trovava in quella che adesso è piazza Kalsa. Si tratta di una delle piazze più suggestive della città, e cuore del quartiere stesso. Tra le altre piazze, si nominano Piazza Della Rivoluzione, dove si tenne una manifestazione antiborbonica nel 1848 e Piazza Marina. In quest'ultima piazza, si può trovare una fontana con la decorazione del Genio di Palermo, che si trova anche in altri punti del capoluogo siciliano.

Come spiega ancora il sito prima menzionato, si possono trovare diverse chiese importanti in questo quartiere. Tutte sono degne di nota, ma ci soffermiamo sulla Chiesa di Santa Maria dello Spasimo. Questa è una chiesa sconsacrata, che per tanti anni è stata abbandonata. Dalla metà degli anni Novanta, però, è diventata un vero e proprio teatro all'aperto: molto spesso sono stati organizzati concerti ed eventi assolutamente suggestivi, che hanno visto e continuano a vedere la partecipazione di tante persone.

LEGGI ANCHE>>>Giovanni Falcone: storia di un eroe meridionale

LEGGI ANCHE...