venerdì, Febbraio 23, 2024
[rank_math_breadcrumb]

Serena Rossi racconta un retroscena di Mina Settembre: "Non sono io quella con Giuseppe Zeno"

Serena Rossi è stata intervistata dal Corriere della Sera, rivelando anche alcuni fatti interessanti. L'attrice appare nei cinema di tutta Italia con il film Diabolik, diretto da Antonio Manetti e Marco Manetti (meglio conosciuti come Manetti Bros). Interpreta il ruolo di Elisabeth Gay, la prima moglie di Diabolik, e ha detto che le piace lavorare con i due fratelli registi: durante le pause tra una scena e l'altra discutono di tutto, anche di cosa mangiare a pranzo; come accade tra fratelli o in una famiglia normale insomma.

Durante la stessa l'intervista Serena ha raccontato anche della sua famiglia e di sua sorella Ilaria, che spesso l'accompagna sul set come sua controfigura.
Nata il 31 agosto 1985 a Napoli, Serena Rossi cresce in una famiglia di artisti dove la musica è all'ordine del giorno: suo padre è un chitarrista, sua madre è una cantante e suo nonno è un cantautore. Tutto è partito dall'ambiente familiare che l'ha introdotta nel mondo dello spettacolo piano piano, abituandola a calcare il palco e ad essere sempre pronta per cominciare uno show.

Nel 2002 debutta come cantante in C'era una volta... Scugnizzi, il musical di Claudio Mattone ed Enrico Vaime. Serena Rossi dopo la maturità linguistica ha già deciso che il suo futuro sarà su un palcoscenico, sotto i riflettori, ecco perché nel 2003 debutta in Un posto al sole con il ruolo di Carmen Catalano, conquistando immediatamente il pubblico che si affeziona al suo personaggio. Inizia così ad entrare nel mondo della televisione, mantenendo sempre un posto speciale per il teatro e per il suo primo amore, la musica.

Dopo l'esperienza nella soap partenopea, Carmen comincia ad essere sempre più richiesta anche in altre fiction Rai come Ho sposato uno sbirro, Eroi per caso e Dove la trovi una come me? Ed è proprio grazie a questi ruoli che i Manetti Bros la ingaggiano per il suo primo film sul grande schermo Song'e Napule, Troppo Napoletano, Ammore e Malavita. Il ritorno alla televisione è attraverso la sua grande e lunga passione per la musica che le permette di interpretare il ruolo di Mia Martini nel suo biopic Io sono mia (2019), basato sulla vita della cantante e poi sul successo di Mina Settembre.

La sorella è spesso nel backstage ed è stata la controfigura di Serena Rossi in Ammore e Malavita  perché Serena era incinta, quello che molti non sanno è che spesso anche nella serie Mina Settembre, non si vede Serena Rossi ma sua sorella Ilaria.  Ma non ci sono acrobazie solo per le scene che si susseguono nelle strade della città. Serena Rossi però ha confessato di non riuscire a girare scene intime o troppo erotiche perché ha un grande senso del pudore, non importa quale sia il regista che ha davanti. In ogni caso, molto dipenderebbe dalla trama, cioè dalla storia che racconta il film, ma se può evitarlo, preferisce sempre dire di no: "Se si evitare, se non è indispensabile, mi faccio proteggere."

Per questo Mina Settembre non è Serena Rossi nelle scene d'amore con Giuseppe Zeno. L'attrice ha confermato quello che non era un segreto, e ha anche spiegato il perché. La stessa regista Tiziana Aristarco ha deciso di proporle una controfigura, conoscendola e sapendo che aveva difficoltà a recitare nelle scene intime. Anche se non è lei in queste scene, chiede comunque ai registi di non esagerare per tutelare la sua figura nell'immaginario dei telespettatori che la conoscono: "In quella famosa scena con Giuseppe Zeno, ero al monitor e dicevo meno, meno che mia nonna penserà che sono io!"

Questo non ha nulla a che vedere con una possibile gelosia del compagno Davide Devenuto, anche perché entrambi sono attori e quindi sanno benissimo che si tratta solo di finzione.

Leggi anche: Massimo Ranieri la confessione shock: "È stato il mio più grande errore"