Lo spettacolo nelle acque del Sud: il video dell’avvistamento straordinario!

La rarissima presenza di un esemplare di balena grigia nelle acque del Mediterraneo, dopo Ponza anche a Baia



E’ una balena di circa 8 metri, quella avvistata tra i pontili galleggianti del porto di Baia, una frazione del comune di Bacoli nella provincia di Napoli in Campania, la presenza di questo esemplare è rarissima nelle acque del Mediterraneo. Si pensa che sia lo stesso mammifero avvistato qualche giorno fa nei pressi dell’Isola di Ponza.

L’assenza di pinna dorsale e le dimensione, seppur enormi ma, contenute e altre caratteristiche hanno permesso di stabilire con esattezza la specie a cui appartiene il cetaceo: si tratta di Eschrichtius robustus, comunemente conosciuta come Balena Grigia. Questa specie è stata data per estinta nell’Oceano Atlantico da più di 300 anni, e i rari esemplari si trovavano solo nell’Oceano Pacifico: di conseguenza il fatto che sia stata avvistata nelle acque del Mediterraneo ha dell’incredibile, uno spettacolo della natura emozionante!

Sembra che l’esemplare si sia diretto verso Punta Epitaffio e l’Arenile di Lucrino: la guardia costiera di Pozzuoli, con al comando Cosimo Picchieri, e la guardia costiera di Baia, con a capo il comandante Rinaldi, stanno cercando di riportare a largo il grande cetaceo per evitare che questo possa arenarsi nei pressi di Lucrino. L’operazione, molto delicata, è stata condotta con l’aiuto di due motovedette e l’intervento degli operatori della stazione Anthon Dorn di Napoli insieme al servizio veterinario dell’Asl di Napoli 2 Nord.

Sembra che la balena sia la stessa avvistata pochi giorni fa nei pressi dell’isola di Ponza, ma il suo viaggio sarebbe cominciato da molto più lontano, sembra, inoltre, che il mammifero abbia perso l’orientamento per ritrovarsi nelle nostre acque. Nei moltissimi video girati, l’animale si mostra molto tranquillo e pacifico, tanto da farsi accarezzare dagli operatori impegnati nell’operazione di salvataggio.

L’intervento tempestivo delle autorità permetterà di riportare la balena in mare aperto, cercando di evitare che si areni sulle coste sabbiose, troppo basse per la sua enorme mole.