Il legame misterioso di due città del Sud: gemelle ma divise da mare e monti

Anche se a chilometri e chilometri di distanza queste due città sono legate in maniera indissolubile da analogie incredibili



Esistono due città del Sud che presentano moltissime caratteristiche in comune, tanta da sembrare l’una lo specchio dell’altra. Stiamo parlando della città di Campobasso il capoluogo di provincia in Molise e Monteforte San Giorgio nella provincia di Messina in Sicilia. Già la posizione dei due borghi spinge all’analogia, infatti, sono entrambi arroccati sulle pendici dei colli, (l’uno Campobasso, sul Colle d’Anchise, e l’altro, Monteforte San Giorgio, sui Colli Peloritani)ma anche la pianta di ambedue le città ha la medesima forma: un ventaglio.

Campobasso, il borgo di origine medioevale, è stata edificata sul colle che ospita un castello chiamato Monforte, questa fortificazione è il simbolo del borgo, il guardiano di tutta la regione molisana e venne ricostruito dal conte Nicola II della famiglia Monforte Gambatesa intorno alla seconda metà del 1400, dopo il terremoto che ne fece crollare una buona parte.

Monteforte San Giorgio, in Sicilia invece, fu edificato dopo la conquista normanna, da una famiglia che proveniva da Monfort sur Risle, una cittadina francese della regione Normandia, al piccolo feudo venne attribuito il nome “Mons Fortis” come riporta un documento datato 1104. Il “San Giorgio” venne aggiunto nel 1863, in onore del martire in seguito alla costruzione della Chiesa Madre.

Ambedue le città possiedono una Chiesa dedicata alla Santissima Trinità, ma se nel capoluogo del Molise, la Chiesa Madre è tutt’ora Cattedrale e la sede vescovile, quella edificata nel a Monteforte San Giorgio, nel comune siciliano, è un sito storico in cui è possibile ammirare i ruderi della Chiesa, un edificio la cui costruzione è risalente al 1666.

Una delle dodici chiese della città di Campobasso, una delle più antiche costruzioni presenti sull’intero territorio molisano, è dedicata a San Giorgio e al suo interno è custodita anche una delle reliquie appartenenti al santo; mentre nel borgo siciliano il Duomo è dedicato al Santo. Ma non è tutto: San Giorgio è il Santo Patrono di entrambe le città.