‘Mina Settembre’ regina di ascolti: la seconda stagione si farà?

L'ultima puntata della prima stagione andata in onda ieri sera è stata seguita da oltre sei milioni di telespettatori. La chiave del suo grande successo? Ce la spiega Maurizio De Giovanni

Foto Facebook Serena Rossi


Grande successo per la serie targata sud “Mina Settembre”: dal suo esordio fino alla puntata finale andata in onda nella serata di San Valentino su Rai 1 la fiction è riuscita a tenere i telespettatori incollati alla tv, registrando ogni volta un boom di ascolti. Nell’ultimo appuntamento di ieri sera le due puntate che chiudono la prima stagione sono state seguite da ben 6.546.000 spettatori con il 26,4% di share, risultando così, ancora una volta, il programma più visto della domenica.

“Mina Settembre” è tratta dal romanzo “Dodici Rose a Settembre” di Maurizio De Giovanni, ed è proprio lo scrittore partenopeo a svelare ad Adnkronos la chiave del successo della serie: “La freschezza e l’assoluta contemporaneità sono secondo me la chiave della passione che il pubblico ha dimostrato verso ‘Mina Settembre’. Mina e i personaggi che la circondano rappresentano situazioni reali, compreso qualche atteggiamento discutibile, qualche errore fatto dai personaggi. In ‘Mina’ non ci sono buoni e cattivi, anche dai personaggi positivi ti puoi aspettare qualche cosa di negativo, così come dai personaggi essenzialmente negativi puoi aspettarti qualcosa di positivo.

Questo – sottolinea De Giovanni – corrisponde alla realtà, ma raramente alla finzione narrativa. Nelle fiction trasmesse nelle reti generaliste generalmente i buoni e i cattivi stanno su due fronti diversi e questo crea una prevedibilità nelle vicende che, invece, in ‘Mina Settembre’ non c’è. Immagino che sia questo ciò che ha consentito al pubblico di immedesimarsi e cioè il fatto che, come in questa città, non c’è una netta contrapposizione tra il bene e il male, ma un costante mescolarsi delle situazioni personali che creano il territorio compatibile con una immedesimazione da parte di chi guarda”.

Riguardo alla scelta degli attori, lo scrittore ha poi dichiarato:Serena Rossi è di una straordinaria bravura, una delle migliori attrici del panorama nazionale. In generale, in questa fiction, c’è una classe di attori, che la città produce, per cui anche l’attore o l’attrice che compare per un solo minuto sullo schermo è talmente bravo che dà verità a tutta la narrazione. Questo ce l’abbiamo solo noi. Napoli, oltre alla bellezza della città, consente una classe di attori e di tecnici di tale livello e valore da rendere questi prodotti sempre di eccellenza, conclude Maurizio De Giovanni.

Come era prevedibile, la seconda stagione di “Mina Settembre” ci sarà. L’ultima puntata della prima stagione ha lasciato aperto un nuovo capitolo: Mina si troverà a scegliere finalmente tra Claudio e Domenico e dovrà decidere se perdonare la sua migliore amica Irene, la quale le ha nascosto la sua relazione con il padre e soprattutto un fratellastro, Gianluca. A confermare la produzione di “Mina Settembre 2” Fabrizio Cestaro, uno degli sceneggiatori. Le nuove puntate si registreranno già nei prossimi mesi e probabilmente saranno trasmesse sulla Rai nel 2022.