Un Castello del Sud patrimonio Unesco diventa ‘HoloMuseum’: sarà visitabile in 3D

L'iniziativa nasce per valorizzare l'arte e la cultura del territorio attraverso gli strumenti digitali, offrendo così ai visitatori un'esperienza del tutto innovativa e coinvolgente

Foto Facebook Parco Nazionale Alta Murgia


Castel del Monte, maestosa fortezza pugliese del XIII secolo patrimonio Unesco dal 1996, diventa un HoloMuseum. Il sito federiciano sarà visitabile in 3D grazie a un progetto sviluppato da Hevolus Innovation in collaborazione con Infratel Italia e Microsoft Italia, con l’obiettivo di valorizzare l’arte e la cultura del territorio attraverso gli strumenti digitali, offrendo così ai visitatori un’esperienza del tutto innovativa e coinvolgente.

HoloMuseum si basa su tecnologie Microsoft di Cloud Computing, Intelligenza Artificiale e Realtà Mista, ed è in grado di potenziare e amplificare all’infinito la capacità narrativa ed espositiva di una mostra, offrendo la possibilità di integrare durante il percorso di visita livelli informativi ed esperienziali aggiuntivi rispetto a quelli previsti dall’allestimento fisico.

Come riportato in una nota pubblicata sul sito del Parco nazionale dell’Alta Murgia, non appena i Musei potranno riaprire in sicurezza, sarà possibile vivere il percorso museale di Castel del Monte in modalità phygital: il visitatore, una volta entrato nel museo, usando il proprio smartphone, potrà accedere attraverso il download dell’app dedicata MVRGIA (disponibile sia per Android sia per Ios) a tutta una serie di contenuti in realtà aumentata per arricchire la propria visita.

Si va dal servizio di guida dedicata, l’avatar 3D di Federico II di Svevia che accompagnerà il visitatore illustrando le diverse tappe della mostra, alla visualizzazione di contenuti multimediali e materiali audio-visivi sulla storia di Castel del Monte, fino all’interazione con modelli digitali 3D per approfondire alcuni temi ed elementi della struttura architettonica del castello come ad esempio il portale principale lapideo, i camini, la tecnica di copertura a volta degli ambienti trapezoidali e le decorazioni scultoree delle sale. L’esperienza è resa possibile grazie all’installazione di totem all’interno del castello che rendono fruibili i contenuti multimediali.

Inoltre, il computer olografico Microsoft HoloLens 2 consente una visita di Castel del Monte anche a distanza, permettendo a chiunque e in qualunque parte del mondo di poter entrare virtualmente nel Castello, seguire il percorso espositivo e interagire con tutti gli elementi multimediali, raggiungendo lo stesso livello di coinvolgimento di una visita in loco. Castel del Monte consentirà infatti di prenotare una visita virtuale da remoto: la guida presente nel Castello grazie a HoloLens 2 può condividere la propria vista sia degli ambienti reali che dei contenuti digitali extra con il visitatore a distanza.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito del protocollo d’intesa di Piazza Wi-Fi Italia, siglato tra il Ministero dello Sviluppo Economico, la Regione Puglia, il Parco Nazionale dell’Alta Murgia e Infratel Italia con l’obiettivo di diffondere misure sperimentali intelligenti e buone pratiche per la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale.