Cagliari candidata a “Capitale europea del verde” per il 2023

Il sindaco Truzzu: "Vogliamo continuare e migliorare questa tradizione sul verde e su ogni aspetto ambientale"

Foto Facebook Paolo Truzzu Sindaco


Cagliari si candida a “Capitale del verde d’Europa” per il 2023. Nella città meridionale il polmone verde situato nel centro cittadino, Monte Urpinu, amplierà i suoi spazi. Come accennato in un recente articolo, l’area verde urbana ha in programma una nuova rinascita: i suoi sentieri e la vegetazione poco battuti dai cittadini prenderanno vita, e il parco si estenderà fino al confine dell’ospedale Binaghi.

In concomitanza con questo progetto arriva l’annuncio su facebook del primo cittadino del capoluogo sardo Paolo Truzzu, che ha così raccontato della candidatura: “Presto partiremo con la costruzione del dossier che analizzi lo stato dell’arte e i passi progettuali da compiere verso un obbiettivo di alto livello, coinvolgendo i migliori esperti (non solo tecnici, ma anche chi abbia una visione più generale del ruolo degli agglomerati urbani) per essere al top in Italia e in Europa”.

“Cagliari ha una solida tradizione nella pianificazione del verde. Era il 1996 e l’Amministrazione guidata da Mariano Delogu scelse l’architetto paesaggista Andreas Kipar collaborò per realizzare il ‘Piano del verde’ della città e il ‘Piano dei Parchi’, proseguendo poi il lavoro con il sindaco Emilio Floris nel 2006 – ha aggiunto il sindaco – Da allora il piano del verde non è stato più aggiornato. Nella progettazione del verde pubblico la pianificazione è quasi più importante della realizzazione, le piante sono materia viva e il loro inserimento nel territorio necessita di competenze specifiche e capacità di programmazione a medio e lungo termine”.

“Oggi la nostra città ha molto aree verdi: parchi, spazi, giardini pubblici, una media di metri quadri per cittadino che ogni città italiana ci invidia. Ha una buona qualità della vita, una filosofia ‘urbangreen’ che è ormai cultura comune. Uso le parole dell’architetto Kipar: ‘il verde è il vestito, il suolo è il corpo, l’acqua che vi scorre è l’anima’. Noi vogliamo continuare e migliorare questa tradizione sul verde e su ogni aspetto ambientale. Vogliamo una città con meno consumi energetici da fonti fossili e più da rinnovabili, migliore riutilizzo delle acque reflue, mobilità alternativa ed elettrica, trasformazione dei rifiuti raccolti, illuminazione razionale. Vogliamo una città in cui l’aria sia più sana”, ha concluso Truzzu.

ULTIMO AGGIORNAMENTO