Robert De Niro e le sue origini meridionali: “Probabilmente dovrò trasferirmi al Sud”

La star del cinema ha visitato spesso la sua terra d'origine e in un'occasione ha dichiarato di volerci tornare al più presto

Robert De Niro
Foto Facebook Robert De Niro


Tra le star di Hollywood che vantano origini meridionali impossibile non raccontare quelle del grande Robert Anthony De Niro Jr., attore, regista e produttore cinematografico statunitense con cittadinanza italiana. Nato il 17 Agosto 1943 a New York, De Niro è considerato uno dei maggiori interpreti del cinema, soprattutto per il lavoro svolto tra gli anni Settanta e gli anni Novanta, periodo in cui ebbe modo di collaborare con grandi registi e attori di successo (tra cui Martin Scorsese, Francis Ford Coppola, Sergio Leone e Al Pacino).

Candidato per ben 7 volte al Premio Oscar, ha vinto in due importanti occasioni: nel 1975 come miglior attore non protagonista nel ruolo del giovane Vito Corleone nel film “Il padrino-parte II”, e nel 1981 come miglior attore protagonista per aver interpretato il pugile Jack LaMotta, nella pellicola “Toro Scatenato”.

Ma veniamo alle sue rinomate origini meridionali. La popolare star del cinema ha radici molisane: verso la fine del XIX secolo, una coppia originaria di Ferrazzano, in provincia di Campobasso, ha attraversato l’Atlantico per cercare fortuna negli Stati Uniti. Si tratta dei bisnonni dell’attore statunitense Giovanni Di Niro e Angiolina Mercurio, emigrati oltreoceano alla ricerca di migliori condizioni di vita. Ferrazzano, il paese molisano da cui erano partiti, oggi conta poco più di 3.000 abitanti.

Arrivati in terra americana, il cognome del suo antenato “Di Niro” venne cambiato in “De Niro”: il motivo di questo cambiamento non si conosce, probabilmente si tratta di una procedura che dovevano rispettare molti immigrati a quei tempi una volta approdati negli Stati Uniti. Per quanto riguarda il legame dell’attore con il Sud Italia, in particolare il Molise, si sa che l’attore italoamericano l’ha visitata un paio di volte, a cavallo tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta e il 18 Ottobre 2006 ha ricevuto la cittadinanza italiana e il passaporto dal sindaco di Roma Walter Veltroni. In più, è iscritto nelle liste elettorali della sua regione d’origine, il Molise, ed è stato anche nominato Grande Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana su “Iniziativa del Presidente della Repubblica”.

Una curiosità che riguarda l’attore e che lo riconduce alle sue origini meridionali riguarda il suo rapporto controverso con Donald Trump. È noto che tra i due non corra buon sangue, tanto che De Niro si è rivolto spesso al Presidente degli Stati Uniti con molta schiettezza, rendendo evidente l’antipatia nei suoi confronti. Una volta è arrivato addirittura a dichiarare pubblicamente con orgoglio che “La mia famiglia è di Ferrazzano, dalle parti di Campobasso. Ho la cittadinanza italiana? Sì…probabilmente dovrò trasferirmi lì”. Insomma la star del cinema in quella occasione ha lasciato intendere apertamente che pur di non essere governato da Trump, si sarebbe trasferito volentieri in Molise.

L’Associazione di Ferrazzano “The Fan” per anni ha dedicato all’attore una rassegna cinematografica. Non molto tempo fa, l’attore statunitense ha inviato un video in cui salutava calorosamente la comunità del paesino meridionale, con la promessa di tornare al più presto. Il pensiero dell’attore è stato molto gradito dai cittadini molisani, desiderosi di poter ritornare a riabbracciare il loro idolo.