Zecca di Stato, arriva una moneta speciale dedicata a Eduardo De Filippo

La moneta rende omaggio al celebre artista meridionale. È stata emessa in 7.000 esemplari per il valore da collezione di 5 euro

Moneta Eduardo De Filippo


Dopo la moneta che celebra la pizza napoletana e l’Arte del Pizzaiuolo Napoletano, arriva la dedica a un’altra eccellenza del Meridione. Questa volta la Zecca di Stato ha deciso di rendere omaggio a un “monumento” che ha fatto la storia del teatro napoletano, italiano e mondiale: Eduardo De Filippo.

A riportare la notizia del conio speciale che ricorda il grande attore meridionale è il Presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio che sui social ha riportato queste parole: “Dopo la moneta che raffigura la pizza Margherita insieme a Pulcinella, anche questo fior di conio diventa un incoraggiamento ad un settore in grave crisi, quello del teatro e dello spettacolo, e un omaggio al teatro napoletano, patrimonio dell’arte partenopea e italiana. Ho avuto l’onore di assistere alle fasi finali del conio di questa bella moneta e di apprezzare la grande qualità artistica del lavoro della Zecca e del Poligrafico dello Stato, una vera eccellenza del made in Italy”

La moneta dedicata a Eduardo De Filippo è stata realizzata, come quella che celebra la pizza, dall’artista Maria Carmela Colaneri per il valore numismatico – da collezione – di 5 euro ed è emessa in 7.000 esemplari. Sul conio tutto meridionale disponibile da lunedì 11 maggio troviamo impresso il ritratto di Eduardo, delimitato a sinistra da un sipario, il rovescio invece raffigura il palcoscenico di un teatro, sul cui palco spiccano una sedia e un tavolino. Completano la composizione alcuni elementi tipici delle opere di Eduardo: tazzina, caffetteria, corno portafortuna e stella simbolo del presepe con le incisioni delle scritte “Eduardo De Filippo” e “Il teatro è vita”.

Autore di numerose opere teatrali, Eduardo De Filippo è stato uno dei più importanti artisti italiani del Novecento. È stato attore, regista, sceneggiatore, drammaturgo, scrittore e poeta napoletano. Il suo successo arriva nel 1931 con “Natale in casa Cupiello”. Ancora oggi è considerato uno degli autori teatrali meridionali più apprezzati e riconosciuti a livello internazionale insieme a Luigi Pirandello.