giovedì, Luglio 29, 2021
HomeNewsI primati del Regno delle due Sicilie testimoniano la genialità dei Meridionali

I primati del Regno delle due Sicilie testimoniano la genialità dei Meridionali

La famiglia Borbone ha reso grande il Regno delle Due Sicilie con primati e innovazioni che hanno segnato la storia del nostro paese. Scopriamoli insieme

Il Regno delle due Sicilie è stato governato da sovrani illuminati che cercarono di innovare tutto il Mezzogiorno con delle innovazioni che riguardano la gestione amministrativa del paese, lo sviluppo di cultura, di assistenza civile e sociale, oltre che infrastrutture per collegare i diversi territori. Insomma i Borbone sono stati davvero importanti per lo sviluppo del Meridione, infatti fino all'anno dell'unità di Italia (1861) si contano ben 54 primati del Regno delle Due Sicilie, importanti record che testimoniano lo spirito innovativo e culturalmente stimolante del Sud.

Il Regno delle Due Sicilie tra primati e innovazioni

Nonostante molti primati siano svaniti con l'unificazione, non bisogna dimenticare le eccellenze meridionali che vanno menzionate con orgoglio.

primati del regno delle due sicilie

Quali sono i primati che si possono attribuire al Regno delle due Sicilie, tratti da “Le industrie del Regno di Napoli” di Gennaro De Crescenzo?

1735. Prima Cattedra di Astronomia in Italia
1737. Costruzione S.Carlo di Napoli, il più antico teatro d’Opera al mondo ancora operante
1754. Prima Cattedra di Economia al mondo
1762. Accademia di Architettura, tra le prime in Europa
1763. Primo Cimitero Italiano per poveri (Cimitero delle 366 fosse)
1781. Primo Codice Marittimo del mondo
1782. Primo intervento in Italia di Profilassi Antitubercolare
1783. Primo Cimitero in Europa per tutte le classi sociali (Palermo)
1789. Prima assegnazione di “Case Popolari” in Italia (San Leucio a Caserta)
1789. Prima assistenza sanitaria gratuita (San Leucio)
1792. Primo Atlante Marittimo nel mondo (Atlante Due Sicilie)
1801. Primo Museo Mineralogico del mondo
1807. Primo Orto Botanico in Italia a Napoli
1812. Prima Scuola di Ballo in Italia, gestita dal San Carlo
1813. Primo Ospedale Psichiatrico in Italia (Real Morotrofio di Aversa)
1818. Prima nave a vapore nel mediterraneo “Ferdinando I”
1819. Primo Osservatorio Astronomico in Italia a Capodimonte
1832. Primo Ponte sospeso, in ferro, in Europa sul fiume Garigliano
1833. Prima Nave da crociera in Europa “Francesco I”
1835. Primo Istituto Italiano per sordomuti
1836. Prima Compagnia di Navigazione a vapore nel mediterraneo
1839. Prima Ferrovia Italiana, tratto Napoli-Portici
1839. Prima illuminazione a gas in una città città italiana, terza dopo Parigi e Londra

Sono davvero tantissimi i primati del Regno delle Due Sicilie, infatti sotto il comando della famiglia Borbone si è avuto uno sviluppo senza precedenti, come dimostrano gli eventi qui riportati.

1840. Prima fabbrica metalmeccanica d’ Italia per numero di operai (Pietrarsa)
1841. Primo Centro Sismologico in Italia, sul Vesuvio
1841. Primo sistema a fari lenticolari a luce costante in Italia
1843. Prima Nave da guerra a vapore d’ Italia “Ercole”
1843. Primo Periodico Psichiatrico italiano, pubblicato al Reale Morotrofio di Aversa
1845. Primo Osservatorio meteorologico d’Italia
1845. Prima Locomotiva a vapore costruita in Italia a Pietrarsa
1852. Primo Bacino di Carenaggio in muratura in Italia (Napoli)
1852. Primo Telegrafo Elettrico in Italia
1852. Primo esperimento di illuminazione elettrica in Italia, a Capodimonte
1853. Primo Piroscafo nel Mediterraneo per l’America (il “Sicilia”)
1853. Prima applicazione dei princìpi della Scuola Positiva Penale per il recupero dei malviventi
1856. Expò di Parigi, terzo paese al mondo per sviluppo industriale
1856. Primo Premio Internazionale per la produzione di Pasta
1856. Primo Premio Internazionale per la lavorazione di coralli
1856. Primo sismografo elettrico al mondo, costruito da Luigi Palmieri
1860. Prima Flotta Mercantile e Militare d’Italia
1860. Prima Nave ad elica in Italia “Monarca”
1860. La più grande industria navale d’Italia per numero di operai (Castellammare di Stabia)
1860. Primo tra gli stati italiani per numero di orfanotrofi, ospizi, collegi, conservatori e strutture di assistenza e formazione
1860. La più bassa mortalità infantile d’Italia
1860. La più alta percentuale di medici per numero di abitanti in Italia
1860. Primo piano regolatore in Italia, per la città di Napoli
1860. Prima città d’Italia per numero di Teatri (Napoli)
1860. Prima città d’Italia per numero di Tipografie (Napoli)
1860. Prima città d’Italia per di Pubblicazioni di Giornali e Riviste (Napoli)
1860. Primo Corpo dei Pompieri d’Italia
1860. Prima città d’Italia per numero di Conservatori Musicali (Napoli)
1860. Primo Stato Italiano per quantità di Lire-oro conservata nei banchi Nazionali (443 milioni, su un totale 668 milioni messi insieme da tutti gli stati italiani, compreso il Regno delle Due Sicilie)
1860. La più alta quotazione di rendita dei Titoli di Stato
1860. Il minore carico Tributario Erariale in Europa

Questo elenco fa capire che il Regno delle due Sicilie non era povero e arretrato come sono soliti raccontare, ma ha una storia economica, sociale, civile e culturale che ha messo le basi per quello che oggi il Meridione e per quello che sono oggi i Meridionali, un popolo pieno di ingegno e voglia di fare.

LEGGI ANCHE...