domenica, Luglio 25, 2021
HomeNewsL'unico teschio al mondo con le orecchie si trova a Napoli

L’unico teschio al mondo con le orecchie si trova a Napoli

Chi conosce un po’ di anatomia sa che, dopo il decesso, il naso e le orecchie, essendo formati da cartilagine, si decompongono e quindi il teschio presenta solo dei fori in prossimità di queste parti del corpo. Ma a Napoli esiste un’eccezione! Infatti è stato portato alla luce un teschio con orecchie ossee.

Lo strano ritrovamento che ha sconvolto tutti è avvenuto nell’ipogeo della Chiesa di Santa Luciella, in San Biagio dei Librai. L’edificio è stato costruito nel XI secolo, ma ha subito notevoli trasformazioni nel corso dei secoli. La più importante è stata compiuta nel 1724 e ha dato l’aspetto barocco che è possibile vedere ancora oggi. Dopo questo restauro, la Chiesa è stata presa in custodia dai pipernieri, coloro che lavoravano il piperno (una roccia magmatica presente nelle zone dove c’è stata attività vulcanica), ed è diventata Chiesa dell’Arciconfraternita dell’Immacolata Concezione, San Gioacchino e San Carlo Borromeo dei Pipernieri.

Dalla metà degli anni ottanta del XIX secolo, la Chiesa poi è rimasta chiusa al pubblico e sono in tanti a chiedere la riapertura dell’edificio di culto, per rendere accessibili a tutti i tesori e i segreti racchiusi in questa antichissima chiesa napoletana.

Proprio nell’ipogeo di questa Chiesa ormai chiusa al pubblico è stato ritrovato il teschio con le orecchie. Ma è reale oppure finto? In realtà non sono stati mai condotti studi specifici su questo strana conformazione. Si ipotizza che sia dovuto ad una menomazione fisica del soggetto.

Un’ipotesi suggestiva è quella che vuole che la presenza di queste orecchie sia in realtà dovuta alla mummificazione della carne. Ma perchè sono state mummificate solo le orecchie del defunto? Si pensa ad un rituale esoterico che trova conferma nella presenza di un mosaico romano custodito nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli che rappresenta un teschio con orecchie ossee che sorride.

Intorno al teschio ci sono figure e simboli misteriosi, chiaro segno di una presenza di un culto esoterico a Napoli. Quindi il teschio di Santa Luciella potrebbe essere la prova di antichi riti esoterici che si svolgevano nel capoluogo campano.

Il teschio con le orecchie per dialogare con il regno dei morti

Molto differente è l’interpretazione che i fedeli hanno dato a questa teschio con le orecchie. Per loro rappresenta il legame tra il regno dei morti e quello dei vivi. Infatti era diventato luogo di culto per tutti coloro che volevano comunicare con i cari defunti: le orecchie sarebbero state proprio il mezzo attraverso il quale le loro preghiere sarebbero ascoltate nell’aldilà.

Ancora una volta, non è facile scoprire la verità sull’origine di questo teschio, soprattutto a causa del fatto che la Chiesa ora è inaccessibile. Il caso del teschio con le orecchie resterà irrisolto?

LEGGI ANCHE...