mercoledì, Febbraio 1, 2023

Natale 2022, come preparare il menù di recupero a Santo Stefano: "Non buttare via questi avanzi"

Il 26 dicembre è ancora un giorno di festa? La risposta è sì ed è per questo che anche il menù è diverso dal solito. Ecco come organizzare un pranzo perfetto recuperando gli avanzi del 25 dicembre. 

La Vigilia di Natale e il 25 dicembre sono due giorni in cui la maggior parte degli italiani si dedica alla preparazione di menù tradizionali per permettere a tutta la famiglia di riunirsi a tavola. Il 26 dicembre in particolare è un giorno in cui si è sempre indecisi su cosa cucinare a pranzo ma questa volta la soluzione giusta è dietro l'angolo. Il famoso menù di recupero di Santo Stefano è la soluzione perfetta per accontentare tutti ma soprattutto per non sprecare il cibo avanzato del giorno prima.

Spesso a Natale prepariamo quantità eccessive di cibo che non vengono consumate, è per questo che a Santo Stefano possono essere preparati in modo ancora più gustoso che piacerà a tutti. Cominciamo dagli antipasti, se a Natale sono avanzati gli affettati basterà arrotolarli intorno a dei grissini di pane e rendere l'aperitivo speciale. Serviamo al centro tavola anche olive avanzate o insalata russa con cui possiamo preparare delle deliziose tartine. Non dimentichiamo di riciclare anche si sott'oli che non bastano mai.

Il pranzo di recupero a Santo Stefano: come preparare gli avanzi del Natale

Nel giorno di Santo Stefano possiamo ottenere un pranzo davvero abbondante con gli avanzi del giorno di Natale. Dopo aver visto come servire gli antipasti possiamo occuparci delle portate principali. Se il 25 dicembre sono avanzate le lasagne non dobbiamo far altro che riscaldarle e se risultano secche possiamo guarnirle con un po' di salsa al pomodoro. Se invece ad avanzare è la pasta al forno prepariamo subito un timballo di pasta perfetto servito in porzioni già impiattate.

Per il secondo non dimentichiamo di riciclare il pane e la carne del giorno prima in modo da ottenere delle squisite polpette e dedicarci poi al contorno. I salumi sono davvero troppi? Conserviamo un po' di pasta sfoglia e prepariamo sfizi ideali per accompagnare il pasto come piccoli sformati di pasta. Insomma le idee per il giorno di Santo Stefano sono davvero tante ma soprattutto non hanno regole, possiamo servire a tavola tutto ciò che più ci piace.

LEGGI ANCHE>>>Agrifoglio di Natale, il segreto per ottenere le bacche rosse: attenzione a quest'errore

LEGGI ANCHE...