venerdì, Gennaio 27, 2023

Ambra Angiolini, il racconto da brividi: il retroscena che nessuno conosceva

Ambra Angiolini, attrice e ex ragazza di Non è La Rai, in questo periodo sta scoprendo molto della sua vita privata e delle sue esperienze. E' sempre stata una donna molto sensibili, incapace di dimenticare o somatizzare qualcosa di brutto che le è accaduto o che è accaduto a qualcuno che le è molto vicino ma non solo: in una recente intervista ha espresso la sua preoccupazione per quello che accade intorno a noi ogni giorno, tra persone normali.

Ambra ha cominciato, attraverso il suo libro InFame, di sensibilizzare al tema della bulimia e dell'anoressia, così che attraverso il suo racconto di questa malattia che l'ha perseguitata per anni, possano trovare la forza di reagire come ha fatto lei. Raccontando a Silvia Toffanin, nello studio di Verissimo cosa l'ha condotta a questo ha dimostrato il suo carattere molto sensibile e vulnerabile messo alla prova anche dalle cose che per alcuni forse, sono prive di senso, ma per altri sono traumi che destabilizzano un'esistenza "Ho sempre cercato di fare male a me stessa. Mangiare era il modo di sfogare la mia incapacità di chiedere aiutoFare male a qualcuno, occupare un posto, fare rumore mi metteva in crisi. Ho fatto l’amore per la prima volta a 18 anni con l’uomo sbagliato. Mi diceva che ero grassa e che per rivederlo dovevo assolutamente dimagrire. Io, per farlo accadere presto, inizio a vomitare e divento bulimica. Oggi vomito ancora le persone sbagliate fuori dalla mia vita"

In un'altra recente intervista a Ok Salute, l'attrice si è detta molto spaventata per quello che accade intorno a noi ogni giorno, di come dietro a persone che sembrano normali si nascondano dei mostri e di come sia impossibile non porsi delle domande, farsi prendere dal panico in alcune situazione oppure di come conoscendo alcuni eventi si cominci a sospettare di essere in qualche modo parte di un mondo malato: "Se l’orrore è qui, accanto a me, tra i miei cari, tutto il resto come deve essere? Quando, nel 2004, sono diventata mamma per la prima volta, ricordo di aver provato un senso di vertigine davanti al resoconto giornalistico di una madre che affogò nella vasca da bagno il suo bambino"
Dopo aver ricordato questo aneddoto Ambra aggiunge "A me può accadere? Se sono io l’arma peggiore, tutto il resto cos’è?", domande che solo una madre che ama i suoi figli e li considera il bene più prezioso del mondo non esita di porsi.
Leggi anche: Avete mai visto Jolanda, la figlia di Ambra e Francesco Renga? Una bellezza rarissima

LEGGI ANCHE...