venerdì, Settembre 30, 2022
HomePersonaggiRaf, la brutta malattia non ha fermato la sua voglia di fare...

Raf, la brutta malattia non ha fermato la sua voglia di fare musica: come sta oggi

Raf, il cui vero nome è Raffaele Riefoli è uno dei cantanti più apprezzati del palcoscenico italiano con una carriera "infinita". Nasce il 29 Settembre del 1959 sonno il segno della Bilancia. Nella sua carriera musicale ha spaziato dal Rock alla Dance, costruendosi poi autonomamente una sua interpretazione della Musica Pop.

Al termine degli studi superiori, Raf si trasferisce a Firenze per studiare per studiare architettura e, successivamente, cambia i suoi piani seguendo il suo istinto. Infatti si trasferisce a Londra per coltivare la sua passione per la musica. Fu lì che fondò il suo primo gruppo musicale rock, i Cafè Caracas facendosi strada proponendo cover di Mina e di altri colossi sacri della musica italiana. In pochi sono a conoscenza che il chitarrista della band era Ghigo Renzulli, che sarebbe poi diventato qualche anno dopo famoso al fianco di Piero Pelù con i Litfiba.

Raf, l'incredibile gesto: ecco cos'è successo

Lo sapevate che Raf, nonostante una grave malattia decise di non abbandonare il palco? Un gesto davvero eroico, ecco cos'è successo. Oggi il cantante è sposato con la soubrette Gabriella Labate (con cui è convolata a nozze nel 1996), da cui ha avuto due figli: Bianca, nata nel 1996 e Samuele, nato nel 2000. Nel 1987 scrive il testo di "Si può dare di più", successivamente cantata dal trio MorandiRuggeri Tozzi che vinse il Festival di Sanremo nel 1987. Nello stesso anno si posiziona terzo all'Eurovision Song Contest in coppia con Umberto Tozzi con il brano "Gente di mare".

Tra i suoi numerosi successi troviamo: "Cosa resterà...", "Ti pretendo", "Due", "Cannibali", "Stai con me", "Sei la più bella del mondo" e l'inimitabile "Infinito". Insomma, una carriera davvero piena di successi, ma la storia che vogliamo raccontarvi risale a diversi anni fa. Nel 2015, infatti, il noto cantante tornò sul palco dell'Ariston dopo diversi anni con il brano "Come una favola" e fu proprio al Festival di Sanremo che accadde l'imponderabile.

Raf infatti è irriconoscibile. Lo abbiamo trovato scarno e con gli occhi rossi. E la sua performance è stata piena di errori e fallimenti. Molto insolito per un cantante della sua bravura ed esperienza. Il motivo però è serio: Raf stava male, molto male. Infatti, sul palco dell'Ariston, il cantante si è alzato in piedi nonostante soffrisse di bronchite da una grave laringite. Ovviamente questo è un vero problema per chi usa il suono come strumento di lavoro. Ma Raf non si è arreso e si sarebbe esibito in ogni caso. Anche se deve ancora essere ricoverato in ospedale.

Si è fermato per 24 ore ma ha cercato di mordere il proiettile. Ma, alla fine, ha dovuto gettare la spugna: alla fine della quarta serata, il suo lavoro era uno dei quattro rimasti fuori dalla finale.
Leggi anche: Miriana Trevisan e Biagio D'Anelli, perché si sono lasciati: la verità spunta fuori solo ora

LEGGI ANCHE...