martedì, Dicembre 7, 2021
HomeRicetteCalamari Fritti: il segreto per renderli perfettamente croccanti

Calamari Fritti: il segreto per renderli perfettamente croccanti

Anelli di calamaro croccanti e saporiti, fritti, asciutti, buoni. Il solo scriverlo facilita la salivazione e permette alla nostra immaginazione di assaporarli con la sola mente. Di certo non è il massimo se dopo averli cucinati si deve pulire tutta la cucina per via degli schizzi d'olio, ma la fatica è ben ripagata dall'ottimo sapore di questo piatto. Ma vabbè, procediamo a svelare i segreti. Ma prima vi proponiamo anche un'altra gustosa ricetta per i primi dell'anno, i fiori di zucca ripieni.

eccellenze-meridionali-calamari-fritti-il-segreto-per-renderli-perfettamente-croccanti

Calamari Fritti: gli ingredienti
La ricetta è per quattro persone con buon appetito, le quantità sono sicuramente soggettive, ma è ovvio che maggiore è la passione per questo piatto, maggiori sono le quantità per quattro persone:

1 kg di calamari o calamari grandi o medi (ci sono diverse dimensioni, ma consigliamo quelli più piccoli che sono più morbidi da mangiare)
Farina 00
Farina di semola
Olio di arachidi (è importante che sia di arachidi)
vendita
Pepe (a seconda del gusto)
Limone (anche se in molte località balneari lo sconsigliano, ma dipende sempre dal gusto)
Fritto calamari, Preparazione
Per prima cosa pulite i calamari. Se il tuo pescivendolo te li regala già belli e fatti meglio. Eviterai, se non sei pratico, di fare danni. Se li cucinate per cena, sciacquateli e con un panno o carta assorbente asciugateli intorno alle 17, in modo che per tre o quattro ore riposino in frigorifero e si asciughino un po' di più . È importante che rimangano asciutti prima della cottura.

Leggi anche: Duro colpo per Stefano De Martino: "Quest'anno non ci sarà"

Calamari Fritti: l'infarinatura
Tirarli fuori dal frigo e asciugarli bene con un panno o carta da forno. A questo punto prendete una ciotola, mettete dentro sia la farina tipo 00 che la farina di semola. È importante che sia abbondante. Prendete una prima manciata di calamari e passateli nella farina mista.

Calamari Fritti: la cottura
Occorre prendere una casseruola profonda o un Wok. Sconsigliamo la padella in quanto i calamari stessi non affonderanno completamente. La cottura non risulterà del tutto omogenea e meno secca poiché il cibo comincerà ad assorbire l'olio in modo non uniforme. L'olio deve provenire da semi di arachidi. Non consigliamo l'olio d'oliva. È sicuramente più salutare, ma renderà il piatto più pesante in termini di gusto. Scaldare l'olio a 170 gradi. Se non avete il termometro, dopo qualche minuto buttate gli spaghetti, se inizia a "bollire" allora è pronto. Scendiamo con i calamari. Per non buttarne via troppe. I primi avannotti non saranno mai fantastici. Sei sempre a casa. Quando tutto funziona senza intoppi, allora dacci dentro.

Calamari Fritti: la doratura
Iniziare a prendere i calamari cotti. Per cucinarli dipende sempre dalla grandezza, non ci vuole chissà cosa, appena li vedete abbronzati (gialli forti, non marroni, né bianchi) poi metteteli in una ciotola ricoperta di carta assorbente. Lasciare riposare per breve tempo altrimenti si scottano labbra, palato e lingua, salare e nel caso aggiungere il limone.

Buon appetito.

LEGGI ANCHE...