domenica, Agosto 1, 2021
HomeRegione SiciliaAddio al grande Maestro Franco Battiato: il Sud e tutto il mondo...

Addio al grande Maestro Franco Battiato: il Sud e tutto il mondo piange la sua scomparsa

Un grande artista del Sud che tutto il mondo piange ma che resterà per sempre nel bagaglio culturale di tutti

Muore un pezzo della storia della musica, piange il Sud e il mondo intero alla notizia della scomparsa di Franco Battiato. Si spegne la sua energia all'età di 76 anni, nella sua amata Sicilia, preferendo il suo eremo di Milo alle Pendici dell'Etna alla vita mondana, dove ebbe per molto tempo come vicino un altro grande cantautore scomparso, Lucio Dalla.

Molte sono state le indiscrezioni sul suo stato di salute dopo le sue sempre più rare apparizioni, tutt'ora la famiglia mantiene il riserbo su ciò che lo abbia portato alla morte, dando al grande artista ed a tutti i suoi numerosissimi 'devoti' la possibilità di ricordarlo nel fiore della sua estrema sensibilità e intelligenza, attraverso le sue innumerevoli interpretazioni della vita, sempre eleganti e piene d'amore.

Nato nella provincia di Catania il 23 Marzo del 1945, Battiato è sempre stato un uomo del Sud, non ha mai nascosto l'amore per la Sicilia, anzi ha sempre dimostrato nel suo modo, sempre elegante, un grande interesse, tanto che nel 2012 e nel 2013 accettò l'incarico, datogli dal governo Crocetta, di Assessore al Turismo per la Regione Siciliana senza però volere alcun tipo di compenso.

Da tutti definito il Maestro, per ciò che è riuscito a trasmettere nei moltissimi anni di carriera attraverso delle liriche profonde e intense, capaci di risvegliare la coscienza, l'amore e la carità in chiunque le ascolti. Ha collaborato con grandi artisti, è stato un uomo pieno di interessi: regista ("Perdutoamor", "Musikanten", "Niente è come sembra"), scrittore, compositore, cantautore, pittore, insomma un artista a tutto tondo, poliedrico come le sue canzoni.

Tutti i suoi testi sono intrisi di una filosofia profonda, che tocca le radici intime di ogni uomo, passando attraverso delle generi musicali sempre diversi, cercando l'innovazione in ogni dove, la musica come sperimentazione attiva di una filosofia piena di vita e di grandi temi. Solo per citare alcuni dei suoi grandi successi: "La cura", "Cucuruccucù", "Shock in my town", "L'Ombra della Luce", "E ti vengo a cercare" e "Povera Patria".

Battiato era apprezzato non solo in Italia ma in tutto il mondo, tanto che la sua "Centro di gravità permanente" è stata utilizzata nella serie campione d'incassi della Netflix "La casa di carta".
Cosa si potrebbe aggiungere? Arrivederci Maestro.

LEGGI ANCHE...