Al Sud donati tablet ai bambini ricoverati in ospedale: “Che non si sentano mai soli”

Molti i dispositivi donati su iniziativa di due uomini che hanno pensato a donare un sorriso ai bambini ricoverati

tablet


Il Sud ha un cuore grande e la notizia di oggi ne è la prova lampante: ieri all’Ospedale “Pugliese Ciaccio” di Catanzaro in Calabria, sono stati donati 8 tablet (a cui se ne aggiungeranno a breve altri 4) e ben 50 auricolari, portati all’interno del reparto di Pediatria ed Ematoncologia. Ad accogliere il dono il Dottor Giuseppe Raiola, Direttore dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria e il suo team.

Il dottor Raiola è sempre stato attivo nella presa in esame di tutti i bisogni dei bambini e dei ragazzi, non solo di quelli che vessano in condizioni critiche ma anche di quelli che hanno problemi emotivi e sociali acutizzati dal periodo molto difficile che tutti stiamo vivendo, dichiarando: “I nostri ragazzi si sentono isolati dalla vita reale, dai sentimenti, dalle emozioni, stanno perdendo una parte importantissima della loro esistenza che nessuno gli darà più. Inoltre, molti non hanno gli strumenti per collegarsi con gli amici, i compagni, seguire le lezioni a distanza. Rischiamo di perdere una generazione.”

La storia di questa donazione è il frutto di una fortunata concatenazione di eventi: Giuseppe Passarelli, macellaio amico del Dottor Raiola, riceve giorni fa alcune donazioni in denaro di persone che vogliono rendersi utili aiutando le famiglie in difficoltà. L’uomo decide di offrire queste donazioni al reparto di pediatria per aiutare i bambini in ospedale con le lezioni a distanza.

Passarelli collaborando con la famiglia Cosentino (proprietaria di una gelateria) ed altre persone, creano una rete solidale che raccoglie fondi che verranno investiti nella RGB Elettronics di Raffaele Bagnato per l’acquisto dei dispositivi mobili a prezzo di costo. Quando i benefattori si sono presentati all’ospedale con il dono il dottore e tutto il suo staff sono rimasti senza parole.

La dichiarazione commossa del Dottor Raiola è la seguente: “Sono rimasto senza parole davanti alla reazione di questi ragazzi nel ricevere un regalo così inaspettato. Un misto di dolore e gioia. Io mi ritrovo in una posizione ‘privilegiata’ perchè sto vedendo i danni provocati da questa pandemia che comporta, soprattutto gravi effetti sociali. […] Grazie al progetto ‘We will make your dreams come true’ promosso dall’ACSA & STE Onlus, insieme al Lions Club Catanzaro Host e al Rotary Club Catanzaro, abbiamo regalato sorrisi e speranza.