Un Parco del Sud unica eccellenza nazionale nella top ten europea

E' l'unico Parco d'Italia nella classifica di Travellers' Choice 2021 dedicata ai Parchi nazionali più apprezzati d'Europa scelti e votati dai viaggiatori



Il Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni è l’unico Parco d’Italia nella classifica di Travellers’ Choice 2021 dedicata ai Parchi nazionali più apprezzati d’Europa. Il Parco si piazza al decimo posto in Europa, unica eccellenza nazionale nella top-ten europea di Tripadvisor, scelto e votato dai viaggiatori. La medaglia d’oro per il Parco nazionale del Cilento acquisisce ancora più valore con la conferma dell’ottimo posizionamento internazionale, che lo vede nella Top 10 europea, unico parco italiano nelle prime 10 posizioni della classifica del Vecchio Continente.

“Sono orgoglioso di questo prestigioso riconoscimento perché a determinarlo non sono ‘enti astratti’ ma il giudizio della gente che ha visitato il nostro territorio apprezzandone lo straordinario valore paesaggistico, ambientale e culturale – ha dichiarato Tommaso Pellegrino, presidente dell’Ente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni – Un successo che voglio condividere con tutte le attività turistico-ricreative, enogastronomiche, artigianali e produttive che costituiscono la vera bellezza del Parco facendone vanto internazionale.

Questo prestigioso riconoscimento serve a consolidare il percorso tracciato nella gestione dell’Ente Parco che deve coniugare tutela del territorio, sviluppo sostenibile, promozione dei valori culturali. La valorizzazione del patrimonio paesaggistico, artistico e culturale dell’Italia dovrà essere al centro delle politiche del nuovo governo. Da qui è possibile ricostruire la nostra economia nella fase post pandemica”, conclude Pellegrino.

Il Parco Nazionale è stato istituito nel 1991, e nel 1995 nasce l’ente per la sua gestione. Si tratta di un’area naturale protetta di circa 36.000 ettari, situata nella provincia di Salerno e successivamente estesa fino a portare la sua superficie a 181.048 ettari, corrispondendo oggi alla parte meridionale della provincia, compresa tra la Piana del Sele a Nord, la Basilicata a est e al Sud e il mar Tirreno a ovest. La riserva naturale comprende i territori di 8 comunità montane e 80 comuni.

Dal 1998 è patrimonio dell’Umanità dell’Unesco con i siti archeologici di Paestum e Velia e la Certosa di Padula, dal 1997 è Riserva della Biosfera e dal 2010 è il primo parco nazionale italiano a diventare geoparco. Nel Parco Nazionale del Cilento, tra le altre cose, è possibile ammirare una cascata che sembra uscita da una fiaba, la cascata “Capelli di Venere”.