L’amuleto contro il malocchio che tutte le donne dovrebbero indossare

Uno degli amuleti storici meno conosciuti ma più efficaci contro la sfortuna che tutte le donne dovrebbero indossare

ScreenVideo da YouTube


Hanno un nome molto particolare, quasi quanto la loro forma, vengono indossati da tempo immemore dalle donne abruzzesi poiché oltre ad essere bellissimi hanno, secondo la tradizione, la capacità di sconfiggere il malocchio. Stiamo parlando delle sciacquajje, o orecchino lunare, degli orecchini a forma di mezza luna che fanno parte della tradizione mistico – religiosa dell’Abruzzo.

Questi orecchini sono realizzati in lamina decorata o in oro a basso titolo e venivano indossati quotidianamente da tutte le donne, anche da quelle del ceto contadino, perché erano una misura efficace per contrastare il malocchio, al di là delle credenze, questi accessori sono dei veri e propri simboli della cultura abruzzese, infatti è possibile ritrovarli in numerosi dipinti come quelli di Basilio Cascella e Francesco Paolo Michetti.

Le sciacquajje venivano tramandate di generazione in generazione, tradizionalmente, il giorno delle nozze come augurio di buona fortuna, un dono che la suocera faceva alla propria nuora. La forma di cerchio semilunato di questi orecchini richiama alle fasi lunari, quindi è un chiaro simbolo evocativo di una femminilità arcaica, che secondo tradizione conferisce a questi oggetti  la capacità di influenzare i comportamenti, le azioni e la fertilità degli esseri umani.

La forma di questi orecchini è importante anche perché dimostra quanto la cultura tradizionale si sia modellata attraverso gli scambi e le conquiste con e di altri popoli, rivela quanto il patrimonio simbolico e religioso abruzzese sia sia mescolato a tanti altri fino a racchiudere al suo interno una moltitudine di significati che sono, adesso, tipici di queste terre, custoditi in questi piccoli e splendidi monili.

Le decorazioni delle sciacquajje sono moltissime, quella più utilizzata è una catenella con pendagli in lamina sospesa all’interno della circonferenza dell’orecchino. I materiali scelti per la fabbricazione erano la rappresentazione materiale del rango sociale e l’etnia a cui apparteneva la donna che l’indossava. Le antiche sciacquajje posso essere ammirate all’interno della Mostra dell’Artigianato di Guardiagrele, questi esemplari sono sopravvissuti al saccheggio delle truppe naziste durante la Seconda Guerra Mondiale.