Al Sud una nuova cabinovia per un trasporto alternativo e sostenibile

Il progetto è stato presentato con un bando al Ministero dei Trasporti: la cabinovia attraversa 15 stazioni in soli 43 minuti, con un percorso previsto di 10,7 chilometri

Foto Facebook Cabinovia Campi Flegrei


Negli ultimi giorni sta facendo il giro del web un progetto innovativo che riguarda la viabilità e il turismo nella zona dei Campi Flegrei, una vasta area situata nel golfo di Pozzuoli, a ovest della città di Napoli. Si tratta della realizzazione di una cabinovia che da Pozzuoli dovrebbe arrivare fino a Miseno, attraversando 15 stazioni in soli 43 minuti, con un percorso previsto di 10,7 chilometri, rendendolo uno dei più lunghi d’Europa. L’iniziativa nasce da un’idea del Comune di Pozzuoli e di Bacoli, in collaborazione con un gruppo di consulenti del territorio.

“La nostra iniziativa ha come scopo ultimo di avanzare e proporre la realizzazione di una cabinovia urbana nei Campi Flegrei come soluzione al trasporto pubblico – si legge sul sito dedicato alla Cabinovia Campi Flegrei – Si rende necessario, pertanto, riconnettere la rete di mobilità locale, privata e pubblica, intesa come rete comune al sistema di città Flegrei, anche utilizzando tecniche di moderazione del traffico e rafforzando, nel contempo, le connessioni con le grandi reti infrastrutturali.

Il collegamento tra le diverse zone del contesto territoriale e di gran parte dei siti archeologici, situati da Bacoli fino ai confini con Napoli e Giugliano – spiegano gli enti promotori dell’iniziativa – si può rendere possibile facendo ricorso ad un sistema di trasporto alternativo che, svincolato dal piano di campagna e integrato con la rete di mobilità esistente, consenta la possibilità di spostamento non incrementando bensì riducendo sensibilmente l’uso della vettura privata, maggiormente responsabile dei problemi di congestione e inquinamento.

Il progetto della nuova cabinovia nei Campi Flegrei, presentato al Ministero dei Trasporti, mira a facilitare i collegamenti con i seguenti siti: Anfiteatro Flavio, Rione Terra, Tempio di Serapide, Torre Toledo, Biblioteca comunale (palazzo Toledo), Villa Avellino, Tempio di Nettuno (corso Terracciano), Terme (via Ragnisco), Tempio di Diana, Tempio di Mercurio, Tempio di Venere, Complesso Archeologico Terme di Baia, Castello Aragonese, Museo Archeologico dei Campi Flegrei, Piscina Mirabilis, Miliscola, Saccello Augustali, Cento Camerelle, Casina Vanvitelliana, Grotta di Cocceo, Terme di Domiziano.