domenica, Luglio 25, 2021
HomeSud ItaliaPersonaggiIl generale rivoluzionario che salvò molte vite era del Sud

Il generale rivoluzionario che salvò molte vite era del Sud

Il Generale rivoluzionario che salvò la vita di molti deputati durante i tumulti del 1848 contro Ferdinando IV a Napoli

Gabriele Pepe apparteneva ad una famiglia nobile di Civitacampomarano un comune del Molisano nei pressi di Campobasso il 7 dicembre 1779. Ebbe un adolescenza abbastanza travagliata, perse la madre nel 1794 e il padre fu accusato di Giacobismo nel 1795 per poi essere arrestato ed esiliato.

Condusse la carriera militare sotto vari regimi: si arruolò dapprima nell’esercito napoletano nel 1797,come alfiere ed in seguito alla disfatta della Repubblica Napoletana fu prima condannato a morte, mai avventuta per la giovane età e poi esiliato; si arruolò poi, nelle truppe francesi di Napoleone Bonaparte nella campagna in Spagna. In questa occasione si distinse per eroismo e virtù militare ed ottenne la promozione a Capo Battaglione solo al ritorno in Patria. Fece ritorno nel suo paese d’origine Civitacampomarano, dopo un ferimento, con la promozione di Colonnello. Trasferito poi in Calabria, compose divese opere letterarie e scientifiche, fino a che nel 1820 venne eletto Deputato come conseguenza dei moti costituzionali.

Durante gli anni da militare scrisse diversi resoconti su Giuseppe Bonaparte, Re di Napoli, e Gioacchino Murat comunicando efficacemente i pregi e le mancanze di tali governi; le prime opere letterarie e scientifiche nate durante il trasferimento in Calabria sono solo la più piccola parte del suo lavoro creativo che vede il culmine con il secondo esilio a Firenze, avvenuto a causa della restaurazione della monarchia nel regno di Napoli. Malgrado si mantenesse dando lezioni ad alcuni nobili fiorentini, partecipò all’ “Antologia” e ad altri circoli letterari del luogo, conobbe grandi personalità come Giacomo Leopardi, Alessandro Manzoni e Carlo Poerio, e si consacrò alla storia come il colto eroe molisano, che diede ampio sfogo a tutta la sua cultura e conoscenza.

Venne nominato nel 1848 Generale della Guardia Nazionale e diresse la ristrutturazione militare della Seconda Costituzione del Regno delle due Sicilie ma rifiutò di entrare a far parte del governo, pur essendo stato eletto con maggioranza assoluta come deputato. Nello stesso anno l’intero regno fu scosso da feroci proteste proprio a causa del rifiuto di Ferdinando II di porre giuramento sulla Seconda Costituzione: i cittadini eressero barricate contro l’esercito reale fomentati dai rivoluzionari e l’esercito reagì con estrema violenza soffocando la rivolta nel sangue, a nulla valsero gli appelli dei deputati, tra cui Gabriele Pepe.

Le ultime negoziazioni con il re, ad opera dei deputati all’interno di Palazzo Cirella furono inutili. I gendarmi entrarono all’interno del palazzo e uccisero chiunque non si arrendesse, quelli che si arresero vennero condotti alla Darsena e imbarcati su una nave reale adoperata come prigione, qui il Generale Gabriele Pepe organizzò l’evasione e conduce i prigionieri negli Stati Pontifici.

Subito dopo Re Ferdinando, nel 1849, emanò mandato d’arresto per il Generale Pepe, a cui sfuggì perché morì. Venne seppellito con tutti gli onori nella Chiesa di San Giorgio nella sua città natale.

LEGGI ANCHE...