Coronavirus, un aeroporto del Sud premiato per la gestione dell’emergenza

E' il primo scalo del Mezzogiorno a ricevere l'Airport Health Accreditation, prestigioso riconoscimento che premia gli standard di sicurezza dei passeggeri

Fonte Facebook Aeroporto Internazionale di Lamezia Terme


Un aeroporto meridionale ha conquistato un prestigioso riconoscimento per gli standard di sicurezza dei passeggeri. Si tratta dell’aeroporto di Lamezia Terme, il primo scalo del Mezzogiorno a ricevere l’Airport Health Accreditation rilasciato dall’Airports Council International, l’associazione internazionale che rappresenta più di 1.900 aeroporti e che sviluppa standard, politiche e best practice per gli aeroporti fornendo opportunità di informazione e formazione per elevare gli standard di sicurezza in tutto il mondo.

Ad annunciare la notizia è un comunicato della Sacal, la società di gestione degli aeroporti calabresi: “L’importante certificazione – si legge nel comunicato – riconosce l’impegno dello scalo nella tutela della sicurezza e salute di passeggeri ed operatori durante questo periodo di emergenza Covid-19 e dimostra come i protocolli e le misure adottate nell’aeroporto lamentino siano all’avanguardia nelle procedure di contenimento alla diffusione del virus. La certificazione è stata ottenuta dopo un’attenta valutazione delle nuove misure e procedure sanitarie introdotte a seguito della pandemia dalla società di gestione degli scali calabresi”.

“Dall’inizio della pandemia Sacal ha avviato nei tre scali calabresi un piano di intervento considerevole al fine di garantire sicurezza e comfort a passeggeri e lavoratori: dall’attività di sanificazione dell’intero perimetro aeroportuale, fino alla rimodulazione degli spazi all’interno dello scalo per garantire il distanziamento sociale che viene indicato da apposita segnaletica, all’installazione di numerosi dispenser di gel igienizzante e di termoscanner”.

“Parte integrante della valutazione da parte di ACI sono stati anche la pulizia e la disinfezione degli spazi aeroportuali, le protezioni in dotazione al personale e la comunicazione ai passeggeri, sia attraverso l’aggiornamento dei monitor di servizio che grazie ad appositi totem informativi in doppia lingua con i suggerimenti sui comportamenti da seguire nella lotta al Covid-19 – si continua a leggere nel comunicato della Sacal – Tuttora in corso la procedura per l’ottenimento della certificazione anche per l’aeroporto Titi Minniti di Reggio Calabria e Sant’Anna di Crotone, che con Lamezia costituiscono un unico sistema aeroportuale”.

“Siamo molto orgogliosi per questo risultato – ha commentato il Presidente della Sacal, Giulio De Metrioche riconosce a livello internazionale il ruolo dell’aeroporto di Lamezia Terme nella complessa gestione di una crisi sanitaria senza precedenti. Un ringraziamento particolare al team dei mie collaboratori che ha reso possibile il raggiungimento di tale significativo riconoscimento supportata da tutti gli Enti Aeroportuali, Enac, Polizia di Frontiera e dal Dott. Antonio Belcastro, delegato della Regione Calabria per la gestione dell’emergenza Covid, le cui attività presso il nostro aeroporto sono state svolte con la consueta professionalità e in un clima di proficua collaborazione con la nostra struttura”.