giovedì, Settembre 29, 2022
HomeSud ItaliaPersonaggiAffidata ad una meridionale la conduzione della nuova trasmissione Rai

Affidata ad una meridionale la conduzione della nuova trasmissione Rai

Il nuovo programma settimanale "Le parole per dirlo" andrà in onda su Rai 3 e partirà il prossimo 18 ottobre

Le puntate del format targato Rai sarà condotto da una napoletana: si tratta di Noemi Gherrero. La bella conduttrice annuncia la sua nuova avventura sul suo profilo Facebook: "Quando mi dicevano che ero matta a desiderare di cambiare la mia vita, quando mi dicevano che pensare in grande sarebbe stato un errore e mi avrebbe fatto soffrire, quando dopo anni di sacrifici e di rinunce e di treni notturni e viaggi interminabili, c'era chi mi rimproverava di volere l'impossibile.

Neanche io sapevo dove mi avrebbe portato la mia "visione". E se ho un merito in tutta questa storia - conclude - è quello di non aver mai pensato che mi stessi sbagliando". Il nuovo programma settimanale del palinsesto di Rai3 partirà il prossimo 18 ottobre: "Le parole per dirlo" andrà in onda ogni domenica dalle 10.20 alle 11.10. Un appassionante viaggio nella lingua italiana per raccontare il nostro modo di parlare nei suoi aspetti più vitali e concreti.

Ogni puntata, condotta dalla brava partenopea Noemi Gherrero, in collaborazione con gli esperti linguisti Valeria Della Valle e Giuseppe Patota, sarà basata su uno specifico ambito linguistico e l'obiettivo sarà quello di esplorare, attraverso gli usi verbali, i diversi aspetti della nostra quotidianità. 

La prima puntata, in onda domenica 18 ottobre, avrà come ospite d'eccezione Corrado Augias e sarà dedicata al linguaggio della televisione. Al tono informale e spesso giocoso del programma contribuirà la partecipazione on-line di un piccolo gruppo di studenti, mentre un ampio spazio sarà dedicato a contributi video che daranno testimonianza diretta dei diversi usi linguistici.

"Al giorno d'oggi - spiega la conduttrice a NapoliToday - le parole sono importanti ed è fondamentale saperle usare. Assistiamo quotidianamente all'incapacità delle persone di relazionarsi, specialmente dei più giovani. Il nostro non è solo un format sul corretto uso della lingua italiana, parleremo anche di linguaggi ed è questa l'arma vincente del programma perché faremo da lente di ingrandimento sulle realtà che fanno parte di noi".

 

 

LEGGI ANCHE...