Uno studente all'esame con la tesina su Napoli: professori restano senza parole

L'emergenza Coronavirus ha stravolto la vita di tutti negli ultimi mesi, mettendo in pausa il mondo o trasformando in "strane" tutte quelle cose che abbiamo sempre ritenuto normali. Una delle sfere ad aver maggiormente risentito del lockdown è sicuramente la scuola, con gli studenti che sono stati costretti a seguire le lezioni in remoto, con ovvi limiti e difficoltà rispetto alla tradizionale formazione in aula.

Anche gli esami, di terza media e di maturità, pur essendo stati per lo più svolti in sede, hanno comunque risentito del blocco delle lezioni, e i ragazzi hanno dovuto preparare da soli i propri percorsi individuali senza potersi interfacciare direttamente con i propri docenti. E in questo articolo vi parliamo proprio della tesina di un giovanissimo studente meridionale, Marco Sarnataro, che ha sostenuto pochi giorni fa l'esame di terza media.

La particolarità di Marco riguarda l'argomento scelto per sostenere il primo "salto" della sua vita: la grande storia di Napoli. Una vera e propria passione per la città partenopea, quella del 13enne, che per ogni materia ha utilizzato qualcosa che riguardasse la meravigliosa Napoli: "Ho la passione per questa città - dice Marco - la sua storia e la sua cultura; proprio per questo l'ho scelta come argomento per la tesina della terza media. Che dire è stato un grande successo; i professori sono rimasti stupiti dalle curiosità e dai primati che ho inserito in tutte le materie, tanto da lasciarli senza parole. Ed è proprio grazie a questa passione che ho concluso questo ciclo di studio con dieci e lode ed applauso dei professori".

Marco, tra l'altro, anche se così giovane, è già un piccolo studente modello, visto che nel 2016 ha vinto una borsa di studio e il titolo di "piccolo ambasciatore della pace" dalla Croce Rossa, per un elaborato sul caporale Pietro Petrucci morto in Nassiriya.

La mappa concettuale della tesina