Al Sud nasce un nuovo polo d’eccellenza per curare le malattie neuromuscolari

I lavori di ristrutturazione degli spazi sono stati resi possibili grazie a un impegno di circa 2 milioni di euro

Screenshot video Centro NEMO Napoli


Un altro importantissimo passo per la sanità meridionale e di tutta la penisola. In tempi di emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus, sono stati consegnati oggi tutti gli spazi per ospitare il Centro Clinico NeMO di Napoli, un’eccellenza multidisciplinare per le malattie neuromuscolari in Campania. La nuova struttura sanitaria sorgerà presso l’Ospedale Vincenzo Monaldi, ed è il risultato di un accordo di sperimentazione pubblico-privato firmato a febbraio 2019 tra Fondazione Serena (ente gestore dei Centri Clinici NeMO), Regione Campania e l’Azienda Ospedaliera Specialistica dei Colli.

“La realizzazione del centro NeMO presso l’Ospedale Monaldi di Napoli è una di quelle iniziative che ci rende orgogliosi: è una struttura in grado di assistere da ogni punto di vista chi soffre di malattie neuromuscolari. Dall’altro lato, il centro sarà un punto di riferimento importante e un supporto anche per le attività di ricerca. La Regione Campania sta facendo investimenti importanti in questo settore: abbiamo stanziato oltre 150 milioni di euro per la cura del cancro”, si legge sul profilo facebook del Governatore della Campania De Luca.

“D’altro canto, siamo in prima linea e non molliamo la presa sull’emergenza COVID-19. Abbiamo affrontato brillantemente i mesi alle nostre spalle, ma dobbiamo sapere che l’epidemia non è passata. È importante usare la mascherina, sebbene l’uso all’aperto ora è facoltativo, osservando poche e semplici regole per fermare il contagio”, ha concluso sul social il Presidente Vincenzo De Luca.

Dotato di 23 camere di degenza, 3 camere per i Day Hospital, una sala medica, 3 ambulatori specialistici, una sala per l’accoglienza, una palestra, 2 aree relax, una sala colloqui e uno spazio riunioni, il Centro Clinico NeMO Napoli è il frutto di un importante intervento di ristrutturazione su 1.100 metri quadri, iniziato alla fine di ottobre 2019. Nato con l’obiettivo di rendere quanto più sereno e tranquillo possibile il periodo del ricovero dei pazienti, la nuova struttura sanitaria è composta da stanze con ampi balconi, un’area bimbi posta nella sala d’accoglienza dedicata ai più piccini.

A partire da Ottobre 2020, il Centro Clinico NeMO inizierà la sua attività di cura dei pazienti e il tutto avverrà grazie alla convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale, che non prevede alcun onere da parte dei degenti. All’inaugurazione hanno preso parte, oltre al Governatore Vincenzo De Luca, il presidente di Telethon Luca Cordero di Montezemolo, il direttore dell’Ospedale dei Colli Maurizio di Mauro e Alberto Fontana, presidente del Centro NeMO di Napoli. I lavori di ristrutturazione degli spazi sono stati resi possibili grazie all’intervento di circa 2 milioni di euro da parte del Centro Clinico NeMO e da alcuni suoi soci: UILDM, Fondazione Telethon, AISLA, Famiglie Sma insieme alla collaborazione di Fondazione CON IL SUD e Fondazione Peppino Vismara.