Coronavirus, al Sud i papà tornano in sala parto: potranno vedere i bimbi nascere

In Regione non si intende abbassare la guardia, ma c'è gioia nel poter dare una risposta positiva alle mamme e ai papà



Con la nuova fase dell’emergenza Coronavirus, in Italia arrivano nuove aperture e misure più morbide praticamente in tutte le regioni. Una bella notizia, che farà felici le famiglie italiane, è l’apertura delle sale parto ai papà.

Con l’emergenza Coronavirus, infatti, le mamme sono state costrette a dare alla luce i loro bambini da sole, senza il supporto dei loro compagni. Ora, invece, in Sardegna, la Giunta regionale ha approvato la delibera che aggiorna le misure di sicurezza per la presa in carico delle future mamme e dei loro bambini nei punti nascita, e permetterà l’ingresso nelle sale parto ai papà o a un eventuale accompagnatore indicato dalla partoriente.

“La sicurezza delle mamme, dei papà e dei neonati – dichiara l’assessore della Sanità, Mario Nieddu – è stata la nostra priorità sin dall’inizio dell’emergenza e lo è ancora oggi. La tutela della salute dei genitori e dei bambini è stato il faro che ha guidato le nostre scelte in un momento particolarmente delicato per l’evoluzione dell’epidemia”.

L’accesso alla sala parto, ovviamente, sarà permesso però solo dopo uno screening accorto, che rilevi la condizione di rischio o positività al Covid-19, attraverso il pre-triage e la rilevazione della temperatura corporea. Papà e accompagnatori, come le partorienti, saranno sottoposti a tampone faringeo che accerti la negatività al virus.

Nel periodo più difficile, come detto, le neo mamme hanno dovuto affrontare da sole l’ultima tappa di questo percorso così importante, senza i propri affetti, nonostante siano state sostenute dall’amore e dal calore del personale sanitario.

I dati dell’epidemia, notevolmente migliorati nonostante le riaperture, consentono infatti di compiere questo ulteriore passo avanti verso la normalità, con l’adozione di tutte le precauzioni necessarie per evitare il contagio. In Regione non si intende abbassare la guardia, ma c’è gioia nel poter dare una risposta positiva alle mamme e ai tanti papà che desiderano condividere un momento così unico.

ULTIMO AGGIORNAMENTO