Coronavirus, al Sud la provincia col dato migliore d’Italia: niente contagi da 15 giorni

I dati della provincia di Trapani, in base ai parametri dell'Organizzazione Mondiale Sanitaria, sembrano suggerire che essa si trovi a metà del cammino verso la fine della pandemia



L’Italia è nella fase 2 dell’emergenza Coronavirus ormai da 10 giorni. I dati sono certamente migliorati rispetto alle fasi acute dell’epidemia, ma i contagi sono ancora presenti, così come i decessi. Ieri i numeri parlavano di 992 nuovi casi, dei quali più della metà solo in Lombardia, dove purtroppo sono aumentate anche le morti. Situazione sicuramente molto diversa per il Sud, che ormai detiene solo una piccolissima fetta dei contagi giornalieri.

Particolarmente virtuose Basilicata e Sicilia, con quest’ultima che ieri ha registrato per la prima volta zero nuovi casi. La provincia di Trapani aveva già raggiunto questo “successo”, visto che qui non si segnalano infezioni ormai da più di 15 giorni. E’ il dato migliore d’Italia. 

Dallo scorso 29 aprile, infatti, nella provincia di Trapani non ci sono casi di Coronavirus, e a questo si aggiunge il fatto che quelli attualmente attivi nell’intera provincia sono appena 6. Dall’inizio dell’emergenza sono stati segnalati 125 positivi al tampone, di cui 5 deceduti e 114 guariti. In nessun’altra zona del nostro Paese si possono contare dati così positivi.

Parliamo infatti di una popolazione comunque di poco inferiore ai 400.000 abitanti, e qui sono stati eseguiti 6.200 tamponi e oltre 15mila test sierologici, stando a quanto comunica l’azienda sanitaria territoriale.

Ma come mai qui si è verificato un contagio così basso? Probabilmente Trapani ha goduto della posizione isolata e periferica, rispetto al resto della Sicilia. Eppure qui si è rischiato grosso, visto il primo caso in provincia era stato un funzionario dell’Asp. Controverso anche il caso del medico di Castelvetrano che girava in ospedale in attesa dei risultati medici.

I dati della provincia di Trapani, in base ai parametri dell’Organizzazione Mondiale Sanitaria, sembrano suggerire che essa si trovi a metà del cammino verso la fine della pandemia. Un dato certamente incoraggiante e che fa ben sperare per il nostro Sud.

ULTIMO AGGIORNAMENTO