domenica, Luglio 25, 2021
HomeRegione CampaniaTask Force Covid, tra le cinque donne scelte da Conte una docente...

Task Force Covid, tra le cinque donne scelte da Conte una docente meridionale

Inoltre il capo della Protezione civile Angelo Borrelli integrerà nel Comitato tecnico-scientifico altre due professioniste meridionali

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha integrato nel Comitato di esperti diretto da Vittorio Colao cinque donne che vanno ad aggiungersi alle quattro già in carica. Tra queste personalità femminili che daranno il loro contributo alla Task Force Covid nella Fase 2 troviamo il nome di Enrica Amaturo, professoressa di sociologia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II.

“Sono molto onorata” – ha commentato ai microfoni di Adnkronos la docente universitaria partenopea: “la nomina è soprattutto un riconoscimento al fatto che per una ripartenza ci vogliano anche le competenze di chi studia la società. È importante riconoscere che noi che studiamo la società possiamo avere voce in capitolo, dando indicazioni su come agire per la ripartenza”. Inoltre, ha aggiunto con orgoglio Enrica Amaturo: “non mi dispiace che ci sia qualcuno a rappresentare il Sud Italia”.

Le altre quattro donne che integreranno il Comitato di esperti sono: Marina Calloni, professoressa di Filosofia politica e sociale dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca e fondatrice di “ADV – Against Domestic Violence”, il primo centro universitario in Italia dedicato al contrasto alla violenza domestica; Linda Laura Sabbadini, direttrice generale dell’Istat; Donatella Bianchi, presidente del Wwf Italia; Maurizia Iachino, dirigente di azienda.

Il movimento dedicato all’inclusione delle donne e al loro ruolo nella società “Dataci Voce” ha espresso grande soddisfazione per la scelta di Conte di integrare un gruppo di professioniste nella task force augurandosi che “questa esperienza serva a riaffermare il dovere del rispetto costituzionale relativo alla rappresentanza di genere non solo nelle commissioni o task force ma in ogni luogo della democrazia”.

Ma non finisce qui. Allo stesso modo, il capo della Protezione civile Angelo Borrelli, integrerà il Comitato tecnico-scientifico con altre sei personalità, tra cui spiccano i nomi di altre due dottoresse meridionali: Rosa Marina Melillo, professoressa di Patologia Generale presso il Dmmbm dell’Università Federico II e Flavia Petrini, professoressa di Anestesiologia presso l’Università di Chieti-Pescara e direttrice dell’Unità Operativa Complessa di anestesia, rianimazione e terapia intensiva dell’Ospedale Santissima Annunziata di Chieti.

LEGGI ANCHE...