Covid 19: Aiuti per l’affitto, le disposizioni della Campania

Ecco come chiedere il supporto relativo alle abitazioni principali in locazione.

affitti case Napoli covid 19


A causa dell’emergenza Coronavirus ancora in atto, i governi delle Regioni del nostro Paese hanno emanato tutta una serie di misure in soccorso dei cittadini, che sono stati colpiti in maniera molto dura da quanto sta accadendo.

A tal proposito, la direzione generale dell’assessorato al Governo del Territorio della Campania ha reso pubbliche le disposizioni relative al sostegno all’affitto delle abitazioni principali, per un totale di 6.450.674 milioni di euro.

L’avviso specifica che il sussidio è rivolto ai nuclei familiari titolari di un contratto di locazione, che sono stati interessati da una diminuzione del reddito in seguito a quanto accaduto dalla fine di febbraio nella Penisola. Il contributo corrisponde al 50% del canone mensile, per un totale di 3 mensilità ed un importo massimo di 750mila euro.

La domanda si presenta al comune dove è ubicata lo stabile in locazione. Il documento serve ad autocertificare il possesso dei requisiti per l’accesso al supporto e la riduzione del volume d’affari per ciò che riguarda i titolari di reddito di impresa, arte o professione e il calo del guadagno di lavoratori assimilati/dipendenti. La richiesta deve essere presentata da un rappresentante maggiorenne del nucleo familiare, pure non intestatario, ma che comunque abiti nell’edificio. L’acquisizione delle istanze può avvenire anche tramite i Centri di assistenza Fiscale e/o le organizzazioni sindacali.

Seguirà un controllo di regolarità da parte delle amministrazioni comunale e, quindi, la realizzazione di un elenco dei beneficiari, in cui sarà indicato quanto spetterà ad ognuno. La trasmissione da parte dei comuni deve avvenire entro e non oltre le ore 18, del prossimo 12 maggio. Sarà, poi, la regione a garantire l’accredito a ciascun ente locale, a fronte delle domande pervenute. Ricevuto il denaro, gli enti provvederano a distribuire le somme sulla base della graduatoria stilata, fino all’avvenuto esaurimento dei fondi.

ULTIMO AGGIORNAMENTO