Abruzzo, erogati 750mila euro per centri anti violenza e case rifugio

Lo scopo è di dare assistenza e offrire servizi a chi è stato vittima di abusi e molestie



I casi di violenza sulla donne nel mondo in cui viviamo oggi purtroppo sono sempre più in crescita. Il governo abruzzese, per far fronte a questa continua minaccia, ha deciso di stanziare ben 500mila euro per i centri anti violenza e le case rifugio in Abruzzo. Ma non solo. Altri 250mila euro saranno messi a disposizione per altri tipi di strutture con lo scopo di dare assistenza e offrire servizi a chi ha bisogno e a chi è stato vittima di qualsiasi tipo di abuso o molestia.

Ad annunciare l’arrivo dei fondi è stato l’assessore regionale Fioretti, che ha dichiarato non solo che i centri anti violenza già esistenti rimaranno stabili e certi, ma che saranno anche migliorati nella loro struttura. In totale in Abruzzo i centri anti-violenza sono 13 mentre le case rifugio 3. L’obiettivo di questi fondi è di creare altre strutture come queste: “Il nostro compito è realizzare un Piano regionale che indichi le linee guida e di intervento su questi temi ma che raccolga anche le istanze degli operatori sul territorio”, ha commentato l’assessore regionale Ferretti.