La storia di Santa Lucia di Siracusa, la protettrice degli occhi

Il 13 dicembre si festeggia Santa Lucia: ecco le storie e le leggende della santa siracusana

santa lucia


Il 13 dicembre si celebra Santa Lucia, una festa molto sentita in tutto il mondo. La giovane donna nacque a Siracusa, in Sicilia, nel IV secolo. Era di famiglia benestante ed era fidanzata con un suo concittadino di cui doveva diventare moglie. La malattia della madre però le cambiò la vita, infatti si recò in chiesa a Catania, a pregare sulle spoglie di Sant’Agata, per invocarne la guarigione.

Durante un momento di preghiera, la santa catanese apparve a Lucia, chiedendole di dedicare la sua vita all’aiuto dei più poveri e deboli, e le predisse il martirio.

Santa Lucia e i suoi miracoli

Dopo l’apparizione, Lucia si accorse che la madre era guarita e così decise di rompere il fidanzamento per rispettare il volere di Sant’Agata e di andare tra i poveri che stanno nelle catacombe, con una lampada sulla testa, donando per loro tutta la sua dote.

Il fidanzato però non accettò questa sua decisione e per vendetta denunciò pubblicamente Lucia, accusandola di essere cristiana, in un periodo in cui i cristiani erano duramente perseguitati, sotto l’imperatore Diocleziano.

Di fronte alle accuse, Lucia non si tirò indietro, ribadendo di essere cristiana anche sotto tortura, affermando che la sua forza non viene dal corpo, ma dallo spirito. Infatti nelle fasi della tortura, il suo esile corpo mostrò un’enorme forza che arrivava da Dio e che la condannarono alla morte.

Prima di morire predisse a Diocleziano la sua prossima morte e la cessazione delle persecuzioni entro breve. Due fatti che si sono verificati nel giro di pochi anni e che hanno accresciuto la fama della santa di Siracusa.

santa lucia

Santa Lucia protettrice degli occhi: origine del patronato

Quando e come nasce il culto di Lucia come santa patrona degli occhi? Ci sono numerose leggende legate a Santa Lucia e che l’hanno resa la protettrice degli occhi.

Una di queste leggende narra che la giovane Lucia abbia fatto innamorare un ragazzo grazie alla bellezza dei suoi occhi. Il ragazzo, come pegno d’amore, ha chiesto i suoi occhi in regalo e Lucia ha acconsentito al regalo e gli occhi poi le sono miracolosamente ricresciuti ancora più belli di prima. Il fidanzato allora le ha chiesto anche questi in regalo, ma Lucia ha rifiutato, provocando l’ira del ragazzo, che l’ha uccisa con un coltello nel cuore.

Quando nasce questo patronato di Santa Lucia e perché? Dal Medioevo si va sempre più consolidando la taumaturgia di Lucia quale santa patrona della vista e dai secc. XIV-XV si diffonde la sua raffigurazione con in mano un piattino (o una coppa) dove sono riposti i suoi stessi occhi. In molti trovano una connessione etimologica di Lucia a lux, molto diffusa soprattutto in testi agiografici bizantini e del Medioevo Occidentale.

La tradizione dei doni della santa di Siracusa

Oltre al patronato degli occhi e della vista, Santa Lucia viene spesso considerata come una “collega” di Babbo Natale, infatti fa le sue veci e nel giorno di Santa Lucia, vengono dati i regali ai bambini, soprattutto nelle regioni del Nord Italia.

In queste regioni, i bambini scrivono una letterina a Santa Lucia chiedendo dei regali e in cambio le lasciano cibo e carote sui davanzali delle finestre, per attirare l’asinello che la porta in giro.

Insomma la santa martire siracusana è diventata famosa in tutto il mondo grazie alla sua grande fede che ha messo a servizio dei più bisognosi e ogni anno sono sempre più grandi i festeggiamenti per onorarla.

ULTIMO AGGIORNAMENTO