domenica, Maggio 8, 2022
HomeRegione CampaniaCosa vedere a napoliLa farmacia segreta ,nel cuore di Napoli, che nessuno conosce!

La farmacia segreta ,nel cuore di Napoli, che nessuno conosce!

Uno degli esempi più belli dell'incontro tra scienza e arte è la storica Farmacia degli Incurabili, la farmacia ospedaliera meglio conservata dell'ex regno. La farmacia fa parte dell'Ospedale degli Incurabili, fondato a Napoli nel 1520-1522 dalla nobildonna catalana Maria Lorenza Longo, che si dedicò all'aiuto dei poveri e dei malati, in particolare dei sifilitici.
Questo è uno dei luoghi più suggestivi di Napoli dove la scienza incontra l'arte. Si tratta della storica Farmacia degli Incurabili, la parte meglio conservata del "Complesso degli Incurabili", situata nel centro storico cittadino, nei pressi del Decumano superiore (ora via dell'Anticaglia). In stile barocco e rococò, nell'antichità fu laboratorio di droghe e medicinali  e luogo di incontro dell'élite dell'Illuminismo napoletano. Chiuso dopo il terremoto del 1980, è stato restaurato e riaperto alle visite solo nel 2012. La storia della farmacia non può essere separata dalla storia dell'Ospedale degli Incurabili (in origine chiamato "Santa Casa degli Incurabili") edificato negli anni 1520-1522, insieme all'attigua chiesa, per volontà della nobildonna catalana Maria Longo. Dopo essersi ripresa da una forma paralizzante di artrite reumatoide giovanile, la nobildonna volle mantenere il giuramento prestato durante la sua malattia e allestire un ospedale per curare i malati di sifilide respinti da altri ospedali.
La Farmacia è un capolavoro barocco dal punto di vista artistico, al servizio della scienza, è un efficiente spazio di lavoro per la preparazione e la distribuzione dei farmaci. Da un punto di vista storico, la Farmacia ci offre uno sguardo intrigante sul mondo dell'élite scientifica dell'Illuminismo napoletano. La sequenza degli ambienti: il bancone, il grande salone e gli ambienti di lavoro retrostanti rispecchiano l'attenta disposizione degli spazi che preannuncia una moderna farmacia.
Gli scaffali e le nicchie di questi armadietti contengono vasetti e fiale di vetro, alcuni dei quali contengono ancora residui di prodotti farmaceutici in polvere o resine. Molti vasetti sono etichettati con il preparato farmaceutico. Alcuni dei contenuti sembrano precedere la fine del XVIII secolo: si tratta di "bezoari" (concrezioni calcaree prelevate dallo stomaco degli animali) e altre parti scheletriche e denti di animali marini e minerali. Questi materiali (non citati nell'inventario farmaceutico ospedaliero della fine del 1700) indicano una continuazione delle antiche tradizioni dell'alchimia.

 

La recente pubblicazione di un manoscritto ottocentesco, che attinge a documenti più antichi, ripercorre la vita ospedaliera dal Cinquecento all'Ottocento, e l'attività del farmacista, pazzo ma abile nella gestione, rispettando il rischio di gestione, sembra essere uno dei capitoli più importanti .Nell'Aula Magna, dove durante il giorno si tenevano consultazioni mediche, congressi e accademie scientifiche, la sera si tenevano incontri segreti di gruppi intellettuali legati alla Massoneria di Caponapoli. In particolare, la Loggia Sebetia e il Grande Oriente di Francia vi tennero le loro cerimonie di iniziazione. Piramidi, effigi e altri segni esoterici assomigliano al simbolismo alchemico; ma il simbolo del farmacista è l'utero dell'utero, artisticamente rappresentato in due insoliti intagli lignei dorati. Decisamente unica è l'allegoria del parto cesareo, raffigurato da un utero inciso e poi suturato dalla mano di un abile chirurgo , posto nel retro della Sala Grande.
Il gesto chirurgico soteriologico fa parte della tradizione  ostetricadel nosocomio, che la  fondatrice M.L. Longo ha voluto dedicare  alle donne in gravidanza. Entrando nel reparto maternità, il cartello recita: «Qualsiasi donna ricca o povera, patrizia o plebea, indigena o straniera, purché incinta, bussi e le sarà aperto».

Ancora oggi  grazie al suo fascino,  sono tantissime le leggende che hanno preso vita al suo interno. Si narra, infatti, che i numeri e le disposizioni delle bottiglie abbiano una loro corrispondenza in alcune regole massoniche molto precise; o che, per esempio, le immagini situate su entrambi i lati del soffitto appartenessero ad alcuni intellettuali massonici. In conclusione, c’è da dire che questo luogo ha ancora tanto da raccontare, con le sue storie ed i suoi misteri racchiusi in ciascuna delle bottiglie.

LEGGI ANCHE...