mercoledì, Dicembre 1, 2021
HomePersonaggiCalabria protagonista della Rai con "Tutta colpa della Fata Morgana"

Calabria protagonista della Rai con "Tutta colpa della Fata Morgana"

La location della pellicola uscita nel 2021 è tutta calabrese: oltre a Scilla, il film diretto da Matteo Oleotto è stato girato anche tra Pizzo e Briatico

Le meraviglie del Sud Italia ancora una volta protagoniste sul piccolo schermo. Questa sera, infatti, a partire dalle 21:25, andrà in onda su Rai 1 il film "Tutta colpa della Fata Morgana". Nel cast della pellicola (parte della collana "Purché finisca bene") troviamo Fiorenza Pieri, Nicole Grimaudo, Corrado Fortuna, Davide Iacopini, Claudia Potenza, Teclia Insolia, Aurora Quattrocchi, mentre la regia è firmata da Matteo Oleotto.

"Tutta colpa della Fata Morgana" racconta la storia di Gabriella, nata e cresciuta a Scilla. La location è tutta calabrese: oltre a Scilla, la pellicola è stata girata anche tra Pizzo e Briatico. Uscito nel 2021, il film ha come temi centrali l'amore, l'amicizia, la tradizione e la magia con gli incantevoli scenari, di mare e di montagna, che la Calabria sa offrire.

La trama del film "Tutta colpa della Fata Morgana"

Protagonista della pellicola è Gabriella, una donna piena di energia, impulsiva e super impegnata, che si prende cura della figlia Maria, incarnando appieno il ruolo della donna in un contesto sociale difficile dominato di norma dagli uomini. Gabriella appare disillusa dalla vita, ormai non crede più all'amore e ai sogni, ma bada soltanto a ciò che è concreto: ciò che per lei più conta è prendersi cura della figlia e il lavoro.

Il suo obiettivo è quello di avviare un'attività, aprendo una spadara insieme alla migliore amica Anna, ma il locale che ha scelto - un rudere abbandonato - è conteso dall'imprenditore milanese Claudio, che vuole costruire in quel luogo un eco-resort. Gabriella, pur di ottenere l'area per la sua spadara, agli occhi di Claudio fingerà di essere un'esperta di arredo tradizionale. Ma il suo scopo non sarà quello di aiutarlo.

LEGGI ANCHE...