lunedì, Settembre 27, 2021
HomeRegione CalabriaFlavio Briatore furioso: "Le autostrade italiane fanno schifo come chi le amministra"

Flavio Briatore furioso: "Le autostrade italiane fanno schifo come chi le amministra"

Flavio Briatore ha postato sui social un lungo sfogo. L'imprenditore è rimasto bloccato nel traffico intasato di un'arteria della rete autostradale, la A10. Era perplesso dal fatto che la segnaletica indicasse lavori in corso, ma per strada non si vedevano operai: " Le autostrade italiane fanno schifo. Chi li amministra fa schifo. Trattano le persone come cenci ". La risposta di Aspi - Autostrade per l'Italia non si è fatta attendere. Ma andiamo con ordine.

In un video Flavio Briatore è apparso seccato per essere rimasto bloccato nel traffico. L'imprenditore ha spiegato di aver affrontato questo problema per tutta l'estate. Stanco di perdere tempo in una coda interminabile, ha dichiarato di vedere quanto accaduto come una mancanza di rispetto per gli italiani:

" Le autostrade italiane fanno schifo. Chi li amministra fa schifo. Non è possibile avere code che ti facciano uscire dall'autostrada, per poi farti rientrare. Trattano le persone come stracci. Non solo non dobbiamo pagare il biglietto, ma dobbiamo chiedere i danni per rispetto delle persone. È stato così per tutta l'estate. Tutti i blocchi, non ne vedi nessuno in funzione, ma dove sono? La cosa incredibile è che non c'è lavoratore che lavori, non c'è azienda che lavori. Ti fanno passare da una corsia all'altra, ti bloccano e si aspettano che qualcuno faccia qualcosa. Niente, non fanno assolutamente niente e non c'è nessuno. Poi ti scrivono: coda di 5 km per lavori in corso, ma non ci sono lavori in corso. Non abbiamo visto lavoratori. È veramente uno sbocco per il cu** ".

La replica di ASPI non si è fatta attendere. In una nota hanno fatto sapere che è attualmente in corso un piano di ammodernamento di alcune infrastrutture " nell'interesse del Paese ": " Un piano generale di ammodernamento che coinvolge diverse infrastrutture. Tali interventi, che hanno un ampio programma e si svolgono in piena sintonia con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibile, consentiranno di allungare la vita utile della rete di alcune decine di anni, aumentando i coefficienti di sicurezza ". L'Aspi ha anche chiarito il fatto che ci sono cartelli che indicano lavori in corso, ma per strada non si notano lavoratori:

" In diversi casi, come in quello mostrato nel video, la normativa vigente richiede l'installazione di limitazioni sulla carreggiata per consentire attività di indagine sulle strutture, che non sono visibili all'automobilista. Per informare meglio gli utenti, Aspi sta introducendo un'ulteriore segnaletica, oltre ai pannelli luminosi. In ogni caso si consiglia di consultare prima di mettersi in viaggio il sito dell'Aspi, dove sono disponibili i tempi di percorrenza aggiornati e tutti i cantieri in corso ".

LEGGI ANCHE...