lunedì, Ottobre 3, 2022
HomeSud ItaliaPersonaggiUn belga a Positano: "Qui ho scoperto il gusto della semplicità"

Un belga a Positano: "Qui ho scoperto il gusto della semplicità"

Parla perfettamente l'italiano, ma ha ancora l'accento del suo paese d'origine. Francese? "No belga", risponderebbe, forse un po' irritato, se qualcuno avesse l'imprudenza di chiederglielo. Belga come Hercule Poirot, il famoso detective dei gialli di Agatha Christie. Alois Vanlangenaeker ha trovato la sua patria adottiva in Italia, e in Campania in particolare. Da quasi vent'anni è l'executive chef dell'hotel San Pietro di Positano (stella Michelin).

Chef quando ha deciso che sarebbe rimasto?
“Quando, nel 2002, sono tornato in Italia dopo un'esperienza a Saint-Tropez: la vita in Costa Azzurra era finta, troppo veloce. Non avevo più dubbi”.

Prima di Saint-Tropez è rimasto per quasi dieci anni a il Don Alfonso delle tre stelle. Cosa ci porta in quella lunga stagione?

«Prima di tutto, la ricerca del gusto nella semplicità. E poi quella dei prodotti. Alfonso Iaccarino è stato uno dei primi a capire l'importanza dello zero prodotti a chilometro”.

Qual è stato il primo piatto italiano che vi ha conquistato?
" Spaghetti semplici al sugo. In Belgio la pasta si mangiava come contorno alla bistecca. Mi colpiva l'esplosiva semplicità del gusto: olio buono, pomodorini, basilico appena colto. È l'altezza del Mediterraneo " .

Come definiresti l'attuale cucina di Zass?
" Cucina non troppo sofisticata, perché altrimenti si dimentica il valore degli ingredienti. Piatti concreti, non solo belli. ”

Ami la fotografia. Qual è l'estetica di un piatto?
"È vero amo le fotografie che mi piacciono per postare sulla pagina di aloisvanlstudio su Instagram. L'estetica è essenziale. Ma non è tutto". Ride. "Altrimenti è come una donna ben vestita che ti delude quando si spoglia".

È vero che il titolare dell'albergo Vito Cinque si trova spesso in cucina? ". Cosa significa essere lo chef di uno degli hotel più prestigiosi d'Italia? «Sono molto orgoglioso, ma resto con i piedi per terra, perché appena pensi di essere arrivato cadi e non ti rialzi più.»

Qual è la richiesta più stravagante che hai ricevuto?
«Una pizza con ananas e prosciutto cotto. Fortunatamente, tali richieste sono rare. ”

E li adempi? "Se il cliente vuole..."

Tre piatti per conoscere la gastronomia della Costiera Amalfitana?
“Spaghetti con pomodorini, filetto di pesce, tipo ricciola, saltati in padella con piselli, fave, un po' di menta. E poi, non possiamo dimenticare i dolci a base di limone”.

Cosa ne pensate dei vostri colleghi che spendono la maggior parte del tempo in uno studio televisivo?
" Ognuno deve fare la scelta che fa stare bene. Io non giudico. Preferisco stare con i ragazzi. Siamo aperti solo sette mesi, i ragazzi vogliono un leader in cucina. Ma sono benvenute anche le apparizioni in tv , soprattutto se aiutano l'economia di un'azienda.”

C'è una moda che odi?
" Creme, creme, schiume e spumette. Non mi appartengono. "

Cos'è per te la pizza?
” Lo proponiamo come merenda, è l'emblema della tradizione. Ma deve essere perfetto”.

Se senti dire Napoli ti viene in mente prima la pizza o il ragù?
" Alla pizza ".

Preparate il ragù?
" Certo ". C'è chi arriva per un giorno intero, io lo cucino tra le 6 e le 8 ore”.

Quando pensi al tuo paese quale piatto ti viene in mente?
” Piatto di una mamma, budin noir, una specie di salsiccia al sangue e grasso di maiale cotto con le mele. Adesso che ne parlo mi viene l'acquolina in bocca".

LEGGI ANCHE...