Trova portafogli con 1.200 euro e lo restituisce: “Voglio diventare un fisico e arruolarmi in polizia”

Il giovane ha anche ricordato il momento in cui ha ritrovato il portafogli, ammettendo che "per un attimo c'erano molti oggetti nella mia mente che avrei potuto comprare con quei soldi"



Dal Sud arriva una bella storia di civiltà che ha come protagonista un giovane di 19 anni. Si chiama Niccolò, e insieme alla sorella 17enne ha trovato per strada a Lecce un portafoglio con 1.240 euro e lo ha riportato in questura. I due, studenti del liceo scientifico Banzi di Lecce,  si trovavano martedì in centro per incontrare alcuni amici, dove hanno ritrovato la borsa smarrita da un commerciante. All’interno, oltre ai contanti, c’erano documenti e alcune carte bancomat. In questura, un leccese di 57 anni è riuscito subito a risalire al proprietario che lo aveva perso poco prima mentre era in sella alla sua bicicletta e che non aveva ancora denunciato lo smarrimento.

Niccolò, dopo aver consegnato il portafogli, ha confidato agli agenti della Sezione Volante della Questura il suo desiderio di entrare a far parte della Polizia e di diventare un giorno un fisico forense. “Voglio diventare un fisico e unirmi alla polizia. E’ un sogno che ho fin da bambino – ha raccontato l’adolescente al Corriere della Sera – nato dal fatto che in tv guardavo sempre Detective Conan, l’anime giapponese di un bambino investigatore, che alla fine di ogni puntata prevede la redenzione e il pentimento dei colpevoli. in servizio. Mi è piaciuto molto il suo fare ‘giustizia’ sia alle vittime che ai carnefici”.

Il giovane ha anche ricordato il momento in cui ha ritrovato il portafogli, ammettendo che “per un attimo c’erano molti oggetti nella mia mente che avrei potuto comprare con quei soldi”. Ma poi ha pensato subito di poterli “togliere dalle persone che ne avevano davvero bisogno, soprattutto in questo periodo”. E così è diretto alla stazione di polizia. Il proprietario li ha ringraziati calorosamente e ha voluto offrirgli una cena, ma i due fratelli hanno rifiutato: “Eravamo già soddisfatti della sua gratitudine”.

Non è l’unico episodio del genere che si è verificato di recente al Sud. Una donna a Pantelleria ha trovato e restituito un portafoglio con una grossa somma di denaro. In particolare, si è recata in caserma dei Carabinieri e ha raccontato che lei, mentre era nel parcheggio di un ristorante, scesa dall’auto, aveva notato per terra il portafogli di una donna. Per capire a chi potesse appartenere, la donna aveva controllato il contenuto e scoperto che conteneva due bancomat e la somma in contanti di 1875,00 euro, ma nessun documento personale.

Le indagini dei militari hanno permesso di risalire al proprietario, un turista cremonese che stava trascorrendo una breve vacanza nell’isola e che aveva prelevato tale somma per pagare le spese del soggiorno. La turista lombarda, che fortunatamente si trovava ancora a Pantelleria, è stata subito contattata e invitata in caserma dove le è stato restituito il portafoglio. La turista offrì un premio alla onesta cittadina che, con orgoglio e fierezza, esclamò che non ce n’era bisogno perché “aveva solo adempiuto al suo dovere civico”.