venerdì, Maggio 27, 2022
HomeRegione CampaniaVaccini, la stampa tedesca elogia una regione del Sud: "E' la più...

Vaccini, la stampa tedesca elogia una regione del Sud: "E' la più veloce d'Europa"

A riportare soddisfatto l'elogio del quotidiano tedesco alla campagna vaccinale della regione meridionale il governatore su facebook

Il quotidiano tedesco "Die Welt" in un articolo intitolato "Perché l'Italia lascia indietro quasi tutta l'Europa per le vaccinazioni", ha sottolineato in maniera sorprendente come "la tipica differenza fra Nord e Sud, che vede in genere il Nord più efficiente e il Sud più lento e caotico, sia in questo caso capovolta: la regione più veloce è la Campania".

A riportare soddisfatto l'elogio della stampa tedesca alla campagna vaccinale della Campania il governatore Vincenzo De Luca su facebook: "Ancora una volta, come era già accaduto a marzo, i media internazionali riconoscono il grande valore e l'alto livello di efficienza della sanità campana nella lotta contro il virus. Grazie a tutti gli operatori della Sanità per l'impegno e la professionalità. Un motivo di orgoglio per tutta la Campania e una spinta a continuare sempre con il massimo sforzo questa battaglia".

Nell'articolo del "Die Welt" si evidenzia la velocità impressionante con cui sono stati effettuati finora i vaccini anti-Covid nella regione meridionale, che presenta i numeri più alti di tutta la Penisola: in Italia infatti il totale dei vaccinati aggiornati a mercoledì 13 gennaio è di 851.936 persone, 78.560 delle quali solo in Campania, che risulta la terza regione nel Paese dopo Lombardia ed Emilia Romagna, ma prima per quanto riguarda la somministrazione di tutte le dosi del vaccino ricevute (77,7%).

Intanto Poste Italiane ha avviato, tramite il Corriere espresso Sda, la distribuzione in Italia delle prime 47mila dosi del vaccino Moderna, per rafforzare, insieme al vaccino Pfizer, la campagna di vaccinazione in Italia. Mezzi speciali, attrezzati con celle frigorifere, sono partiti dall'Istituto Superiore di Sanità di Roma verso Sicilia, Valle d'Aosta, Campania, Marche, Umbria, Lazio, Emilia Romagna, Toscana, Abruzzo e Veneto. Per ora la precedenza è stata data alle regioni con maggior numero di ottantenni. Nei prossimi giorni è prevista la seconda fase della distribuzione.

LEGGI ANCHE...