Teatri, 21 milioni per rimodernare le strutture in una regione del Sud

A riportare la notizia è l'assessore regionale dei Beni culturali: "Un'azione concreta per la salvaguardia del patrimonio regionale e la crescita culturale dei territori"

Fonte Facebook Alberto Samonà


In Sicilia parte l’ammodernamento per il recupero di alcune importanti strutture teatrali. Con la firma degli impegni di spesa per circa 21 milioni, sono stati finanziati un centinaio di interventi che riguardano teatri di tutte e nove le province siciliane. In particolare saranno realizzati interventi in 16 teatri della provincia di Agrigento, 4 nel territorio di Caltanissetta, 6 nell’area di Enna, 17 in provincia di Palermo, 12 a Trapani, 16 in provincia di Catania, 18 a Messina, 7 a Siracusa e 2 nella provincia di Ragusa.

A riportare la notizia è l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità Siciliana Alberto Samonà su facebook: “Il finanziamento di opere su un numero così significativo di teatri in tutta la Regione rilancia la centralità stessa del teatro come cuore pulsante di una comunità. I teatri non sono solo i luoghi in cui si realizzano iniziative culturali ma rappresentano anche, quasi sempre, preziose testimonianze architettoniche che raccontano la storia dei territori. E il buono stato delle strutture teatrali è, molto spesso, la cartina tornasole del livello di sensibilità culturale di una comunità.

E’ per questo che interventi importanti quale quello che questo Governo regionale sta portando avanti attraverso misure di finanziamento destinate alla riqualificazione di cinema e teatri, non incidono solo sul miglioramento delle strutture, ma rappresentano un’azione concreta per la salvaguardia del patrimonio regionale e la crescita culturale dei territori; tutto questo nella speranza che si possano creare le condizioni perché, intorno a un teatro funzionante, si strutturino nuove forme d’arte e di socializzazione”, conclude l’assessore Alberto Samonà.

Sempre in Sicilia, di recente, sono stati stanziati 5 milioni di euro per la riqualificazione delle sale cinematografiche e l’ammodernamento delle strutture, l’adeguamento degli impianti e la nuova realizzazione. Tra le spese finanziabili quelle edilizie e quelle relative all’impiantistica. Destinatari oltre ai cinema mono e multisala sono anche i cineforum, i cinema d’essai, le cineteche.